La Coldiretti attacca

Orrori da non gustare

Gravissimi i dati sulla tossicità dei prodotti agroalimentari in Italia provenienti dai paesi extra UE

Alex Bazzaro
Stand della Coldiretti contro il cibo falso

Foto ANSA

 

 

Cibo spazzatura? No, nessuna polemica "radical chic" sui fast food. Qui il termine spazzatura è, più che mai, doveroso dopo che, in giornata, la Coldiretti ha presentato a Napoli la black list sui cibi più contaminati che giungono sulle nostra tavole. Dai broccoli cinesi, irregolari al 92% dei campioni esaminati, passando per il prezzemolo vietnamita, risultato non conforme alle regole al 78%, fino al basilico indiano, fuori norma in ben sei casi su dieci. Dati allarmanti quelli evidenziati dalle analisi effettuate dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) e presentati dall’associazione dei coltivatori diretti durante la manifestazione in cui sono scesi in piazza, con i propri trattori, migliaia di agricoltori; tutti a protestare contro i prodotti a basso prezzo senza controlli e a difendere la qualità delle produzioni di casa nostra.

La parte del leone, nel campo degli abusi, la fa la Cina, con 386 violazioni su 2967 controlli. Nella stessa annata il paese asiatico ha aumentato di cinque volte le esportazioni di pomodori verso l’Italia, toccando quota 67 milioni di chili nel 2015. Ma non mancano violazioni sia sulle melagrane che sulle fragole provenienti dall’Egitto.

Paradossale la situazione sugli agrumi, con limoni e arance che giungono a noi dal Marocco, soprattutto grazie alle folli agevolazioni concesse dall’Unione Europea. Un paese, quello nordafricano, in cui l’utilizzo di pericolosi pesticidi non è vietato.
Il tutto mentre l’agricoltura italiana continua ad eccellere come la più “green” d’Europa ad esempio attraverso il divieto agli Ogm, il maggior numero di aziende biologiche presenti e la posizione di vertice nella sicurezza alimentare, con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,4%).

Salute e lavoro, mai come in questo caso, i temi si incontrano. La crisi morde e l’Italia, invece di tutelare un comparto fondamentale come l’agricoltura, si lascia imporre alla UE, con la complicità del PD, agevolazioni ai paesi del Nordafrica per le esportazioni degli agrumi. Basterebbe questo per arrabbiarsi, ma a mettere la ciliegina (tossica) su questa torta avvelenata, eccoci i dati sui cibi importati conditi con pesticidi illegali e additivi cancerogeni.

Gli italiani non hanno perso l’abitudine al buon cibo, ma i pochi soldi, portano molti nostri concittadini a privilegiare il basso presso anziché le etichette sui controlli qualità. Solo un paese fallito può costringere la propria gente a scegliere tra mangiare male o non mangiare affatto.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Compagni, la festa è finita...
cala il sipario sul bomba

Compagni, la festa è finita...


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU