Immigrati, Grillo insegue Salvini ma l'M5S non lo segue

Gianluca Donati
Immigrati, Grillo insegue Salvini ma l'M5S non lo segue

Diciamolo chiaramente: i 5 stelle intercettano voti soprattutto dall’area della sinistra radicale e da quella di un certo elettorato “potenzialmente leghista”. In buona sostanza i 5 stelle contengono una “corrente di destra e una di sinistra”, ed io ho sempre sostenuto che prima o poi potrebbero anche subire una scissione. Intendiamoci, ciò non è ancora avvenuto ed elettoralmente vanno ancora molto forte. Però le contraddizioni al loro interno stanno esplodendo violentemente con molta evidenza. Prendiamo le dichiarazioni di Beppe Grillo subito dopo l’attentato di Berlino: "La situazione migratoria è ormai fuori controllo. Nel 2015 con gli sbarchi sono arrivati in 153.842, i richiedenti asilo sono stati 83.970, 71.000 sono stati esaminati e il 55% di questi hanno ricevuto diniego: dove sono finiti loro e quelli non esaminati e che non hanno fatto richiesta? L'Italia e l'Europa sono un colabrodo". E ancora: "L'Italia sta diventando un viavai di terroristi, che non siamo in grado di riconoscere e segnalare, che grazie a Schengen possono sconfinare indisturbati in tutta Europa. Bisogna agire ora". Parole che sembrano uscite dalla bocca di Salvini o della Meloni. Peccato che il movimento di Grillo si sia letteralmente spaccato ed esponenti e simpatizzanti del suddetto movimento hanno preso le distanze dalle affermazioni del leader. E allora ci domandiamo: ma Grillo ci fa o ci è? Tradotto: le cose che dice, le pensa sul serio o fa solo sparate demagogiche per intercettare i voti della gente spaventata e arrabbiata? Perché se davvero ci crede, allora dobbiamo dedurne che egli non controlla più il movimento (o almeno la maggior parte di esso), che se ne frega delle opinioni del capo e se ne va per conto proprio (com’è già successo in passato su diverse questioni). Se invece fa propaganda, ci domandiamo per quanto tempo gli possa andar bene questo giochino prima che gli italiani scoprano finalmente il bluff. In buona sostanza Grillo fingerebbe d’inseguire Salvini consapevole che il movimento non lo segue. Oppure, i cinque stelle sono un’accozzaglia di personaggi mal assortiti ognuno in ordine sparso, e tenuti insieme solo da un’ideologia non ben definita. E d’altronde, è tutta la storia del movimento di Grillo-Casaleggio che è stata all’insegna dell’ambiguità. Ci siamo forse già dimenticati che i parlamentari pentastellati hanno votato con le sinistre per smantellare la legge Bossi-Fini depenalizzando il reato d’immigrazione clandestina? Così come sui temi etici, i 5 stelle hanno criticato il Partito democratico per aver ceduto sugli stepchild adoption (i grillini avrebbero voluto le adozioni gay). E sui temi riguardanti le sovranità nazionale e monetaria? Grillo invoca da anni un fantomatico referendum sull’euro (che per legge non si può fare). Se davvero ci sono politici ed elettori pentastellati che vogliono fare sul serio una politica “populista”, lo dimostrino con i fatti, si uniscano all’area populista Salvini-Meloni, e sostengono l’uscita dall’euro, l’abrogazione di Schengen, il respingimento dei clandestini, e il restauro della sovranità monetaria, nazionale, democratica e popolare dell’Italia. Diversamente è solo fuffa. Donati Gianluca

Livorno LI, Italia

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Roma, aggredisce i passanti con una mannaia e rischia il linciaggio
chiedeva soldi davanti al centro commerciale di guidonia

Roma, aggredisce i passanti con una mannaia e rischia il linciaggio

Re Mida
Matteo Salvini, da Gianburrasca a stratega della politica nazionale. Come nasce un leader

Re Mida

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • 15:03, 31 Dicembre 2016

    Una senatrice 5 stelle scrive su facebook: "...e ragionando sull'entità della trasmigrazione o della cosidetta "invasione" capiremmo che questa è assolutamente diluibile nel totale della popolazione europea e dovremmo cominciare ad ammettere che da questa INIEZIONE DI NUOVA GIOVENTU' ne potremmo trarre sicuri VANTAGGI EVOLUTIVI nelle nostre società asfittiche." Non vedo differenza tra questo modo di pensare e quello del mondialista Bergoglio, della cara presidentA della Camera, dell'ONU (immigrazione sostitutiva) e di tanti (troppi) altri tifosi dell'invasione. Molti dei quali, purtroppo, onorevoli 5 stelle (e si direbbero la metà più grande). Tra l'altro mi sembra chiara l'incompatibilità tra il reddito minimo di cittadinanza (cavallo di battaglia del movimento) e la spesa dello Stato per l'attuale reddito di clandestinità, di cui beneficiano gli operatori (laici e non) di questo business straccione dell'"accoglienza", da aggiungersi al costo del solito malaffare della penisola (e.g. MPS). Personalmente sono nato e cresciuto in un quartiere del centro storico di una città del nord ovest, da sempre governata dalla sinistra. Quartiere degradato, meta di una prima immigrazione già negli anni 90. Pieno di spacciatori, prostitute, scippatori, drogati, perditempo, negozi halal, imam, etc... sembrava di stare in Maghreb. Tempo di traslocare, e anche qui la curia, in associazione con vecchi trombati di sinistra, allestisce un albergo per clandestini maomettani. La misura è colma.

    Rispondi

    Report


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU