tra le proteste della gente

Messico: l'aborto resta un reato

Bocciato un progetto di legge volto a depenalizzare l'interruzione volontaria di gravidanza

Redazione
Messico: l'aborto resta un reato

La Corte suprema messicana ha bocciato un progetto di legge volto a depenalizzare l'interruzione volontaria di gravidanza. Con tre voti contrari e uno a favore, i membri della massima istanza giurisdizionale del Paese hanno respinto l'iniziativa che voleva dichiarare incostituzionale due articoli del codice penale che considerano l'aborto un crimine e che limitano drasticamente le condizioni del ricorso all'interruzione della gravidanza per ragioni mediche. Durante il dibattito, all'esterno della sede della Corte, si sono svolte manifestazioni opposte di antiabortitsti e di militanti in favore della libertà di scelta delle donne.

Dal 2007 l'aborto è consentito nella sola Città del Messico durante i primi tre mesi, ma resta vietato nel resto del Paese ad eccezione dei casi di pericolo per la vita della gestante. Qualche giorno prima la Corte Suprema statunitense ha invece difeso con forza il diritto costituzionale all'aborto con una sentenza sul Texas che avrà ripercussioni sugli altri stati, specie in periodo elettorale.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

Fidel è morto
la vignetta di krancic

Fidel è morto


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU