rapporto istat

L'Italia che cambia: otto nati su 100 hanno una madre ultraquarantenne

Secondo l'Istituto di statistica "posticipare la maternità in età più avanzate è una libera scelta delle donne italiane". E se invece fosse una scelta obbligatoria causata dalla crisi?

Redazione
L'Italia che cambia: otto nati su 100 hanno una madre ultraquarantenne

Otto nati su 100 hanno una madre ultraquarantenne. Emerge dal rapporto 2016 su Natalità e fecondità della popolazione residente a cura dell'Istat, secondo cui "posticipare la maternità in età sempre più avanzate è una scelta che riguarda soprattutto le madri di cittadinanza italiana". A detta dell'Istat - e ci si permetta il dubbio - la scelta sarebbe libera, in quanto "il fenomeno è in atto dalla metà degli anni '70 e spiega la denatalità osservata fino alla metà degli anni '90". In pratica, è il solito ritornello degli "italiuani che non vogliono fare figli". Ci si dimentica di dire che però il calo delle nascite negli anni '70 è imputabile alla martellante propaganda abortista messa in pista dalla Sinistra estrema, che propagandava un "libero amore" senza "complicazioni". Il sopraggiungere della crisi, negli anni '90, probabilmente ha fatto il resto.

L'Istat non la vede così. "Successivamente si è registrato un parziale recupero delle nascite precedentemente rinviate, in particolare da parte delle baby-boomers, che si è tradotto in un progressivo aumento dei nati da madri over35, soprattutto al Nord e al Centro. Nel 2015 le donne hanno in media 31,7 anni alla nascita dei figli, quasi due anni in più rispetto al 1995 (29,8), ma il valore sale a 32,3 anni per le madri di cittadinanza italiana".

"Circa l'8,3% dei nati ha una madre di almeno 40 anni mentre nel 10,3% dei casi la madre ha meno di 25 anni. Considerando le sole donne italiane la posticipazione della maternità è ancora più accentuata: il 9,3% ha almeno 40 anni e solo l'8,2% meno di 25 anni. Il dato nazionale nasconde significative differenze territoriali", conclude l'Istat.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia
A Milano, dove comanda la Lega c'è la lotta alle moschee abusive
Lotta al fanatismo islamico

La Lega milanese contro le moschee abusive


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU