LA NOSTRA CIVILTÀ È A RISCHIO?

Crollo delle nascite e distruzione del cristianesimo: è la "Fine dell'Europa"

Nel suo ultimo libro, "Fine dell'Europa", il giornalista Giulio Meotti dipinge un futuro nerissimo per la nostra civiltà: non facendo più figli e non credendo più in nulla, gli europei saranno destinati alla distruzione

Francesco Vozza
Crollo delle nascite e distruzione del cristianesimo: è la "Fine dell'Europa"

La nostra civiltà rischia di finire distrutta entro pochi decenni? Questa è forse una delle domande più inquietanti che ognuno di noi non vorrebbe mai farsi. Eppure, leggendo le pagine del nuovo libro di Giulio Meotti, "Fine dell'Europa", non si può fare a meno di chiederselo. Il noto giornalista de Il Foglio, infatti, descrive nelle pagine del suo pamphlet uno scenario a dir poco apocalittico: la civiltà europea si starebbe avviando verso l'autodistruzione a causa del bassissimo tasso di natalità e della rinuncia alla religione cristiana. Secondo Meotti, a prendere il posto degli europei sia da un punto di vista fisico che culturale saranno altri popoli, in gran parte musulmani, che si stanno già insediando nel nostro continente. Basti pensare che a Bruxelles oggi il nome più diffuso sia Mohammed per comprendere cosa stia accadendo in tutto l'occidente.

Il giornalista batte più volte sul tema della cosiddetta "sostituzione di popolo", utilizzando delle parole nettissime che non lasciano il campo ad alcun dubbio: "Il continente europeo, il nucleo della civiltà occidentale, sta crollando. Ovunque i tassi di natalità sono scesi al di sotto dei tassi di sostituzione e grandi popolazioni musulmane straniere stanno riempiendo quel vuoto.". Ma se i dati sulle nuove nascite sono allarmanti, quelli sul cristianesimo sono praticamente una condanna a morte per la nostra religione: "In Germania nel 1963 furono ordinati 400 nuovi sacerdoti, nel 1993 il numero scende a 238 e nel 2013 a 98. Nel 2015 la cifra è nuovamente dimezzata, arrivando a 58 nuove ordinazioni. La gente sta abbandonando la Chiesa in massa: nel 2015 in 181.925 hanno fatto formalmente apostasia. Rispetto alle statistiche ufficiali di vent'anni fa, il numero di battesimi è diminuito di un terzo. La situazione è anche peggiore per i matrimoni. Nel 1995, 86.456 coppie si sono sposate in chiesa. Nel 2015, il numero è sceso della metà.".

Meotti non sembra lasciare al lettore alcuno spiraglio di speranza, tranne quando parla di Israele: l'autore descrive questo piccolo Stato come un vero e proprio avamposto della civiltà occidentale in oriente, l'unico in cui il tasso di natalità è notevolmente salito. Merito forse di una spiritualità e di un attaccamento alle proprie radici che noi europei abbiamo ormai certamente perso.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Facebook come Renzi: censura l'arte classica italiana
da bollino rosso la mostra di sgarbi

Facebook come Renzi: censura l'arte classica italiana


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU