"niente wc e acqua"

La sindaca di Calais sfida il Governo: "Basta clandestini!"

Per i giudici gli immigrati vanno aiutati e parlano di "trattamenti disumani e degradanti". Ma il comune sulla Manica non ci sta. "Non daremo seguito all'ingiunzione"

Redazione
La sindaca di Calais sfida il Governo: "Basta clandestini!"

La giungla di Calais

Otto mesi dopo lo smantellamento della cosiddetta "giungla" di Calais, che ospitava migliaia di immigrati che tentavano di oltrepassare la Manica, il Consiglio di stato francese ha convalidato, contro il parere del ministero dell'Interno, le misure di aiuto ai migranti che si trovano nella città e sono esposti a "trattamenti disumani e degradanti". Ma il comune di Calais non ci sta e la sindaca Natacha Bouchart ha affermato che "non darà seguito all'ingiunzione".

"La decisione del Consiglio di stato è un'ingiustizia per gli abitanti di Calais, perché li mette di nuovo sotto la minaccia  della riproposizione dell'ennesima giungla. Fino a quando la politica nazionale ed europea non offrirà una soluzione globale per l'immigrazione, il comune di Calais non darà seguito all'ingiunzione". 

Il Consiglio di stato ha di fatto dato il via libera all'ordinanza del tribunale amministrativo di Lille che il 26 giugno aveva chiesto la creazione di un nuovo centro di accoglienza d'urgenza per i migranti a Calais e aveva ordinato allo Stato e al Comune di mettere in campo le misure di sostegno come la creazione di punti per l'acqua o di servizi igienici.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Perfino Cacciari da ragione a Salvini
"PRIMA GLI INTELLETTUALI!"

Perfino Cacciari dà ragione a Salvini

Val di Sua, le "zecche rosse" scatenano la guerriglia pro immigrati. Attacchi alla polizia
tensioni al confine Italia-Francia, vandalizzato golf club Claviere

Val di Sua, le "zecche rosse" scatenano la guerriglia pro immigrati. Attacchi alla polizia

Orban: "L'Ue non vuol fermare i clandestini"
la denuncia del presidente magiaro

Orban: "L'Ue non vuol fermare i clandestini"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU