visto da un cattolico

I bambini spariti. E l'isola che non c'è...

… ma che se ci fosse stata, la vita degli italiani e degli europei godrebbe di uno status migliore. Ed il Mediterraneo non sarebbe divenuto la tomba acquea di decine di migliaia di esseri umani

Piero Mantero
I bambini spariti. E l'isola che non c'è...

In questi giorni si è data giustamente grande enfasi agli oltre 700 morti di fine maggio avvenuti solamente in tre naufragi, ma questo non sarebbe accaduto se oltre un anno fa si fossero allestiti degli hotspot ben equipaggiati in alcune isole italiane, affinché i cosiddetti profughi potessero essere accolti dignitosamente, controllata la provenienza e dietro identificazione smistati verso la vera legalità. Matteo Salvini fu il primo a suggerire questa soluzione che avrebbe evitato la carneficina, l’insicurezza dei cittadini italiani ed europei, fatto fallire sul nascere la mafia delle cooperative e permesso una equa distribuzione degli aventi diritto sull’intero suolo europeo.

In questi giorni ha fatto rabbrividire la morte di bambini, neonati, donne e altri presunti profughi. Si salvano in primis gli uomini, guarda caso giovani e forti. Anziani non ne arrivano proprio... Insomma, capitemi bene, è vergognoso che sui barconi vengano sacrificati nel momento del pericolo i più deboli in modo barbaro e vigliacco. Dunque, capiamoci ancora, stiamo accogliendo tanti giovanotti che pur di pensare a se stessi non badano a nulla. Si tratta di omicidio di necessità? Forse sì. Intanto salviamo potenziali assassini!


Matteo Salvini e, chi come lui, furono derisi; oggi il nostro governo in carica ventila la possibilità di hotspot in mezzo al mare! Adesso, che stanno arrivando flotte di barconi? Non basterebbero dieci portaerei per accoglierli... O siamo governati da incoscienti oppure da incapaci... magari capaci di fare i loro affari... locali. Praticamente degli incapaci, ma fino ad un certo punto.
Nel frattempo restando a guardare, dopo le tante promesse non mantenute dell’Unione Europea, ci troviamo la rotta dei Balcani chiusa, il Brennero e Ventimiglia ristretti più di un caffè, bevuto alla nostra salute da Tedeschi e Francesi.


Per dirla tutta una parte di bambini trovano in Italia, dopo il viaggio nel parco giochi del terrore o mare nostrum, tra gli orrori per la sopravvivenza, la... sparizione! Molti di essi giungono non accompagnati. Vien subito da pensare, come genitori, ma che razza di padri e madri hanno questi pargoletti? Nell’ultimo anno sarebbero stati addirittura in 6.100 circa! Quali genitori normali metterebbero in una barca malconcia i loro figli per spedirli sotto la non tutela di trafficanti senza scrupoli verso le coste italiane? Incredibile, e inaccettabile! Papa Francesco sarebbe bene che ogni tanto, al di là di appelli umanitari generici, entrasse in questi problemi particolari, magari telefonando ai vari capi di stato per invitarli a trattare meglio i loro figli, il loro popolo sofferente. Invece di piangere tutti questi morti sarebbe bene che si impegnasse insieme ai capi di Stato di tutti i paesi coinvolti, affinché si evitino le partenze di questi barconi della morte gestiti da mafie locali in combutta con il terrorismo islamico! Solo in questo modo la strage può essere fermata!


Basta bla bla bla, stop a ipocrisie laiche e religiose, finiamola col prendere in giro il buon senso dei cittadini, che sta per esplodere nelle periferie delle più grandi città italiane, colonizzate da sconosciuti, ridotte alla sporcizia degradante e pericolosa per la salute medesima!
Tolte di mezzo le balle di certi mezzobusti ed alcuni giornalisti noti, che secondo loro stiamo accogliendo principalmente siriani in fuga dalla guerra, la stragrande maggioranza di profughi o clandestini invece giunge da paesi dell’Africa e pure in gran parte islamizzati dove non vi sono guerre. Non solo, quando vi fu la grande guerra in centro Africa tra le etnie hutu e tutsi, con milioni di morti, distruzioni di massa e quanto altro, sulle coste italiane non giunsero barconi...

Si dirà altri tempi. Certo, verissimo. A quel tempo la Grecia non era ancora in svendita e l’Italia non era governata da personaggi dal cuore generoso, che fanno di tutto per regalarla ai potenti di turno non italiani, gelosi e invidiosi di quanto abbiamo e del nostro livello di benessere costruito dalle famiglie nostrane con tanti sacrifici. Senza considerare le bellezze paesaggistiche e architettoniche, culturali ecc.
Non vi è dubbio che questa invasione sia stata pianificata da governi ombra alleati o da cupole affaristiche in grado di programmare cambiamenti epocali rispettando il pensiero di visionari senza scrupoli, a cui di certo non piace la civiltà cristiana, modello di armonia e spiritualità.


E noi cittadini, anzi sudditi (e tra l’altro i re al governo ci costerebbero molto meno!), siamo costretti a subire di tutto ed in maniera crescente. Basti pensare al CARA messinese distrutto da un gruppo di extra comunitari minorenni per i loro capricci. La struttura nuova e accogliente, i pasti di qualità, vestiti niente male, eppure la violenza esplosa all’improvviso lo ha devastato costringendo le autorità competenti a trasferire questi giovani di “belle speranze” nell’ex hotel di lusso stile liberty, da poco adibito all’accoglienza! Alla faccia dell’educazione, della giustizia e della legalità...


Vedendo le immagini televisive di questo grave misfatto ho pensato che cosa succederebbe se una quarantina di italiani disperati, giovani senza lavoro, stufi di subire questo sistema, dovessero entrare ed occupare con la forza un palazzo romano, di quelli che sono frequentati da uomini delle istituzioni...
Magari troverebbero subito un bel posto di lavoro e qualora non avessero una casa dignitosa, perché non offrire loro qualche bella camera a Palazzo Chigi?


Del resto si tratterebbe di cittadini italiani non di sconosciuti, approdati per chissà quali fini in un’isola, che c’è, come la bella Sicilia?! Ah già, scusate, che stupido, ma questi sono appunto italiani, nostri compatrioti, non giungono da terre lontane, non sono mai stati nell’illegalità, pagano pure le tasse nonostante tutto, sono sfigati di lusso... al massimo finirebbero a Regina Coeli!

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU