A 5 mesi dai fatti di Colonia

Germania, proseguono le violenze sessuali di massa da parte dei clandestini

Diciotto donne sono state vittime di abusi ad opera di richiedenti asilo pakistani nel corso di un festival musicale a Darmstadt, nel land dell'Assia

Redazione
Germania, proseguono le violenze di massa da parte degli immigrati

La piazza della stazione di Colonia a Capodanno, durante le violenze. Da Youtube

Non c'è pace per Angela Merkel, che sta stando ai recenti sondaggi sta subendo un tracollo nelle preferenze dei tedeschi a causa delle sue posizioni buoniste a favore dell'accoglienza. A distanza di cinque mesi dai fatti di Colonia, in Germania torna l'incubo delle violenze sessuali di massa. Teatro degli abusi è questa volta Darmstadt, città di 150mila abitanti nel land dell'Assia, dove nello scorso fine settimana si è svolto il festival musicale Schlossgrabenfestes: diciotto donne hanno infatti presentato denunce per le molestie sessuali subite durante i concerti.

Stando alle notizie riportate dallo Spiegel on line, la polizia ha già arrestato tre richiedenti asilo trentenni di origine pakistana, ma almeno altrettanti sono ancora ricercati. Secondo quanto denunciato dalle donne alla polizia già nelle prime ore di domenica, sarebbero state avvicinate da gruppi di uomini che le avrebbero poi molestate sessualmente toccandole nelle parti intime.

Il festival all'aria aperta dura quattro giorni, e vede ogni giorno la presenza di almeno 100mila persone. I media tedeschi scrivono che i casi di molestie potrebbero essere ben più dei diciotto finora denunciati: è probabile che nei prossimi giorni altre vittime prenderanno coraggio e si recheranno a fare denuncia. L'episodio ricorda molto da vicino i fatti di Capodanno a Colonia, quando decine di donne furono violentate nel corso dei festeggiamenti per la notte di San Silvestro, da uomini in gran parte di origine straniera. Anche in occasione dei festeggiamenti per il Carnevale, nel capoluogo del Nord Reno-Westfalia si erano registrati altri casi di molestie.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Morirai da martire!". Così Erdogan "consola" una bimba di sei anni. Che scoppia a piangere
rabbia e indignazione per la "sparata" del sultano

"Morirai da martire!". Così Erdogan "consola" una bimba di sei anni

"Morirai da martire!". Così Erdogan "consola" una bimba di sei anni. Che scoppia a piangere
rabbia e indignazione per la "sparata" del sultano

"Morirai da martire!". Così Erdogan "consola" una bimba di sei anni

Gli islamici vogliono uccidere Calderoli!
una fatwa dalla turchia

Vogliono uccidere Calderoli!

Grimoldi: "Catastrofe umanitaria per colpa di Erdogan"
"L’Occidente lo fermi prima che sia troppo tardi"

Grimoldi: "Catastrofe umanitaria per colpa di Erdogan"

Ungheria, gli avversari di Orban lo sfidano a Budapest
elezioni locali: la grande ammucchiata

Ungheria, gli avversari di Orban lo sfidano a Budapest

I curdi, la sinistra ideologica e quella di potere
Tensione fra Roma e Ankara per la cittadinanza a Öcalan

I curdi, la sinistra ideologica e quella di potere

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...
andarono per suonare e furono suonati

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU