il leghista gariboldi: "episodi all'ordine del giorno"

Monza, pendolare e vigile aggrediti dagli immigrati: "Non fateci foto"

La vittima: "Ero su Whatsapp ed hanno pensato li stessi immortalando. Ci siam trovati in due contro venti". Il candidato del Carroccio: "Adesso basta! Esercito nelle vie e presidio fisso in stazione"

Redazione
Monza, pendolare e vigile aggrediti dagli immigrati: "Non fateci foto"

A destra nella foto, il candidato leghista Cesare Gariboldi davanti alla stazione di Monza

Ancora una rissa alla Stazione di Monza e, ancora una volta, una bagarre che vede coinvolti gli immigrati, nello specifico una ventina di extracomunitari che se la sono presa con un 49enne monzese. La lite, avvenuta lunedì nel tardo pomeriggio sul lato di piazza Castello, sarebbe esplosa dopo che, a detta degli stranieri che bivaccavano in stazione, l'italiano li avrebbe fotografati con un cellulare. Tra gli immigrati e l'uomo è finita a urla e spintoni.


E la lite ben presto è degenerata, con il risultato che, a rischiare di farne le spese, è stato anche un agente di polizia municipale, intervenuto per raffreddare gli animi. L'arrivo di una pattuglia della polizia locale seguita dai carabinieri e dalla polizia di Stato ha impedito che la situazione degenerasse. Quando le forze dell'ordine sono giunte sul posto il gruppo di stranieri si era già dileguato. 

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo si trovava presso lo snodo ferroviario con il mano il suo smartphone. Gli immigrati, credendo di essere stati immortalati, hanno cercato di strappargli di mano il telefonino, per cancellare le immagini. Di fronte alla reazione del pendolare, è finita a lite. "Ma quali foto", ha raccontato l'uomo ai giornali. "Per ingannare l’attesa ero al cellulare tra Facebook e Whatsapp, come credo sia ancora lecito fare, ma i miei gesti sono stati scambiati per lo scatto di fotografie".


"Ad un certo punto uno dei migranti, visibilmente alterato, mi si è avvicinato urlando che stavo facendo delle fotografie e di consegnargli il cellulare. Mi sono ovviamente rifiutato anche se ho rivolto lo schermo verso di lui per fargli vedere che ero su Facebook e non sulla fotocamera. Un agente della Polizia Locale ha tentato di intervenire ma eravamo in due contro una ventina. Il clima in quel piazzale è di paura, i pendolari passano velocemente per evitare incontri inopportuni; se ti fermi rischi le richieste più diverse o di offendere qualcuno se rifiuti una sigaretta o se semplicemente ti fermi troppo e sei al cellulare”, ha aggiunto.

Ennesimo episodio di violenza e sopraffazione che ha suscitato l'indignazione della Lega. “A causa delle politiche dissennate della Sinistra non passa giorno che alla Stazione di Monza non avvenga un fatto di criminalità e di violenza. Abbiamo ormai superato i livelli di guardia. A livello centrale occorre regolare finalmente l’immigrazione mentre per quanto riguarda Monza ho proposto il ripristino dell’Operazione Strade Sicure, con la presenza dell’esercito nelle vie della città e un presidio fisso delle forze dell’ordine in Stazione", ha commentato Cesare Gariboldi, candidato della Lega Nord al Consiglio Comunale.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Perfino Cacciari da ragione a Salvini
"PRIMA GLI INTELLETTUALI!"

Perfino Cacciari dà ragione a Salvini

Lodi, scoppia la protesta delle mamme musulmane
contestano le nuove regole per le prestazioni agevolate

Scuola a Lodi, scoppia la protesta delle mamme musulmane


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU