schegge duracruxiane

Le aggressioni a chi indossa un'uniforme sono tipiche degli invasori, non di semplici criminali

Ormai è un quotidiano susseguirsi di aggressioni a vigili, poliziotti, militari, capitreno e persino medici e infermieri caratterizzate da una violenza gratuita non necessariamente abbinata ad un intento predatorio specifico

Helmut Leftbuster
Le aggressioni a chi indossa un'uniforme sono tipiche degli invasori, non di semplici criminali

Ormai è un quotidiano susseguirsi di aggressioni a vigili, poliziotti, militari, capitreno e persino medici e infermieri caratterizzate da una violenza gratuita non necessariamente abbinata ad un intento predatorio specifico. E i protagonisti di tale fattispecie criminali sono puntualmente stranieri. Appare del resto credibile, dato l'invecchiamento demografico del paese, che l’Italia si sia trasformata in un Bronx generalizzato ad opera di nonnetti improvvisamente usciti di testa? O piuttosto, allora, si tratta di un fenomeno allogeno e di carattere ben distante dalla delinquenza comune?!


Ciò che differenzia profondamente il “criminale” dall’ “invasore” è che il primo aggredisce miratamente la sua vittima per trarne un vantaggio specifico e calcolato, ma poi, una volta vistosi contrastare, si limita a fuggire o tutt'al più a difendersi dalle Forze dell'Ordine sopraggiunte. Al contrario, l’invasore attacca per primo l’elemento in uniforme deputato a controllarne la condotta o a respingerlo, proprio per soverchiarne la forza “militare” e poter successivamente fare man bassa dei civili rimasti indifesi. Digitate parole chiave quali “poliziotti o carabinieri aggrediti” oppure “infermieri o controllori pestati”, e verificate la numerosità statistica del susseguirsi di casi, nonché la puntuale identità dei loro responsabili.


Certo, anche gli italianissimi brigatisti sparavano contro la polizia e contro i magistrati: non a caso volevano rovesciare la democrazia e imporre la dittatura del proletariato (progetto eversivo oggi rivisitato in chiave “etnicista” dai veterani di quel fronte politico). Ma poi, dopo aver sparato, anche i brigatisti sgommavano e scappavano. Invece, con la globalizzazione del crimine, il delinquente d’importazione non riconoscerà mai il gendarme di Stato come titolare della sicurezza di una comunità a cui il delinquente  stesso appartiene; al contrario, costui vedrà in quell'uniforme la difesa armata della sovranità dello Stato straniero che egli intende violare. E quindi ci si scaglierà contro giocandosi il tutto per tutto, esattamente come si fa in guerra.


Se già alle sinistre, negli anni '70, garbava l'idea di difendere gli indifendibili, tanto più oggi garba quella di santificare i beneficiari di una sostituzione etnica oramai indispensabile a garantirsi quei voti che certo non arriveranno mai più dai vituperati proletari italiani.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La foto della vergogna: i centri sociali contro gli alpini
fotonotizia / quando la storia non insegna nulla ai giovani

La foto della vergogna: i centri sociali contro gli alpini

Fotonotizia / "Io sto a casa", l'appello di Rocco Siffredi
anche l'attore hard contro il coronavirus

Fotonotizia / "Io sto a casa", l'appello di Rocco Siffredi

Satira e coronavirus...
per cercare di non impazzire

Satira e coronavirus...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Lei non è la moglie...
fa i pistolotti moraleggianti agli altri e poi...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Perché lei non è la moglie...

La foto della vergogna: i centri sociali contro gli alpini
fotonotizia / quando la storia non insegna nulla ai giovani

La foto della vergogna: i centri sociali contro gli alpini

Fotonotizia / "Io sto a casa", l'appello di Rocco Siffredi
anche l'attore hard contro il coronavirus

Fotonotizia / "Io sto a casa", l'appello di Rocco Siffredi

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Epidemia in Cina, la Rete sfotte Bergoglio
"con tutti gli ospedali che ha la chiesa..."

Epidemia in Cina, la Rete sfotte Bergoglio


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU