in nome della democrazia

Genova, i black bloc in corteo lancian petardi e sfasciano vetrine

Il leghista Amorfini: "I danni? Li farei pagare ai responsabili della manifestazione oltre che ai signori autori del gesto"

Redazione
Genova, i black bloc in corteo lancian petardi e sfasciano vetrine

Foto ANSA

Corteo antifascista sabato a Genova. Cinquemila persone giunte da tutta Italia sono partite da piazza de Ferrari, nel centro storico, dietro lo striscione 'Genova antifascista'. Il corteo è stato convocato con lo slogan 'chiudere i covi fascisti'. Tra costoro, gli immancabili black bloc, che come da copione hanno dato il meglio di sé. 


Fumogeni sono stati lanciati davanti alla sede di lealtà Azione in via Serra durante il corteo antifascista. I manifestanti hanno attaccato pannelli con la scritta 'Genova antifascista'. "Un pannello simbolico per cancellare la presenza dei fascisti", hanno spiegato al megafono . Sul pannello i nomi di alcuni "compagni e migranti" uccisi dal 2001 ad oggi. Il primo nome scritto sul pannello è quello di Carlo Giuliani. Il corteo ha proseguito incordonato in direzione di piazza Alimonda.

Cinque persone provenienti prevalentemente dal nord est sono state fermate nel pomeriggio dalla Digos in centro storico di Genova prima della partenza del corteo antifascista e portate in Questura perché avevano negli zaini indumenti neri e piccole mazze. Sono stati tutti rilasciati in serata: due di loro sono stati denunciati a piede libero per porto di oggetti atti a offendere.


Il bilancio provvisorio della manifestazione svoltasi in nome del no alla violenza e del rispetto delle leggi democratiche è il seguente: frantumata la vetrina dell'immobiliare Gabetti in Corso Buenos Aires; lancio di petardi da parte degli antagonisti contro i mezzi blindati della polizia in via Montevideo, ove i ragazzi del centri sociali hanno fracassato diverse vetrine, tra cui quelle della Banca Credito Agricolo.


Protesta il consigliere comunale leghista Maurizio Amorfini che, di questa lista danni, dice: "Questa è solo una piccola relazione di quanto accaduto, chissà quanti muri saranno stati imbrattati dai cosiddetti antifascisti; i danni li farei pagare ai responsabili della manifestazione oltre che ai signori autori del gesto".


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Gli UFO sorvolano l'Arabia Saudita
i dischi volanti nel mondo islamico

Gli UFO sorvolano l'Arabia Saudita


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU