Il business dell'immigrazione

Ong, nel dossier di Frontex la conferma: "Chiamate direttamente dai trafficanti"

In nove casi su dieci, le Organizzazioni non governative sono state contattate per telefono dagli scafisti. Le navi staccano i transponder arrivando sulla costa

Redazione
Ong, nel dossier di Frontex la conferma: "Chiamate dirette da parte dei trafficanti"

Foto ANSA

"Nel 90 per cento dei salvataggi eseguiti dalle navi delle Organizzazioni non governative nel 2017, le imbarcazioni coinvolte sono state individuate direttamente dalle Ong e soltanto in seguito è stata data comunicazione al centro operativo della Guardia costiera a Roma". Sarebbe questa una delle accuse contenute nel rapporto riservato di Frontex sul quale sta indagando il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, secondo quanto scrive giovedì il Corriere della Sera. Si tratta di 20 pagine, allegate al dossier principale, che si concentrano sull'attività svolta nel Mediterraneo da otto navi private: "Sono i trafficanti che operano in Libia e la Guardia costiera operativa nell'area di Sabrata e di Az Zawiya a contattare direttamente le navi delle Ong che operano vicino alle acque territoriali della Libia". Non solo: "I telefoni satellitari consegnati agli scafisti contengono la lista dei contatti con i numeri diretti delle navi delle Ong e i migranti vengono istruiti dai trafficanti a segnalare la propria posizione".

Le associazioni, ricorda il quotidiano, da parte loro hanno già respinto come "infamie" le contestazioni mosse da parte dell'organismo dell'Unione Europea dichiarando di avere "come unico obiettivo il salvataggio delle vite umane", ma proprio su questo punto si starebbero concentrando le verifiche disposte dal magistrato. Nella relazione sono indicati i mezzi e le relative Ong: Sea Watch diSeaWatch.org che batte bandiera olandese e porta fino a 350 persone; Aquarius di Sos Mediterraneo/Medici senza frontiere di stanza a Gibilterra con una capienza di 500 persone; Sea Eye di Sea Watch.org dall'Olanda, fino a 200 persone; Iuventa di Jugendrettet.org bandiera olandese con 100 persone; Minden di Lifeboat Project tedesca per 150; Golfo Azzurro di Open Arms da Panama che porta fino a 500 persone; Phoenix di Moas con bandiera del Belize che ne imbarca 400; Prudence di Medici senza frontiere con bandiera italiana che è la più grande visto che ha 1.000 posti.

Gli analisti di Frontex, scrive il Corriere della Sera, hanno esaminato le rotte seguite nel 2017 e si sono soffermati sulle modalità di avvicinamento alle acque libiche, monitorando in particolare il periodo che va dal 13 al 27 marzo 2017. Nel dossier sono contenute anche "le informazioni provenienti dagli interrogatori dei migranti appena sbarcati, i report provenienti dagli apparati di intelligence di alcuni Stati". I dati strumentali raccolti dimostrano come proprio in quell'arco di tempo "prima e durante le operazioni di salvataggio, alcune Ong hanno spento i transponder per parecchio tempo". Un comportamento quantomeno sospetto, che secondo gli inquirenti starebbe a significare la volontà di non lasciare tracce dello sconfinamento delle imbarcazioni ben oltre il limite delle acque internazionali, praticamente fin sulle coste libiche. In un'inchiesta parallela della Procura di Trapani un'altra Ong sarebbe indagata per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU