Si trovava sul balcone di un'abitazione privata

Cane dato alle fiamme nel Brindisino perché abbaiava troppo. Salvato

Gli animalisti: "Il povero animale è stato prima legato, poi cosparso di liquido infiammabile e gli è stata persino negata la fuga"

Alfredo Lissoni
Cane dato alle fiamme nel Brindisino perché abbaiava troppo. Salvato

Un cane è stato dato alle fiamme perché, a quanto pare, abbaiava troppo. I fatti sono avvenuti la notte del primo novembre sul balcone di un appartamento a San Pietro Vernotico, nel Brindisino: Giako è salvo per miracolo. Qualcuno si è accorto dell'accaduto e ha chiamato soccorsi.

Il veterinario è giunto sul posto e ha poi pubblicato un post su Facebook: "Alle ore 3 - scrive - vengo chiamato poiché viene dato fuoco da sconosciuti a un povero cane in abitazione privata, di proprietà di una vecchietta che dormiva. Scena da brivido, mi ritrovo carabinieri, vigili del fuoco e il povero cane, fortunatamente vivo e in questo stato".

Sulla vicenda sono intervenuti anche gli animalisti: "Il povero animale è stato prima legato, poi cosparso di liquido infiammabile e gli è stata persino negata la fuga, chiudendo con un armadio la strada che gli avrebbe permesso di entrare in casa", ha spiegato Alfonso De Liguori, rappresentante di Animalisti Italiani onlus. "È un crimine efferato - prosegue - Pretendiamo una risposta ferma da parte delle istituzioni. La mia associazione si costituirà parte civile". 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il Governo MaZinga mette una pietra tombale sull'Autonomia
il prof bruno galli: "sacrificata al salva-poltrone"

Il Governo MaZinga mette una pietra tombale sull'Autonomia

Fotonotizia / Torna il acqua la nave dei centri sociali
salvini: "Spero che nessuno pensi a un governo dei porti aperti"

Fotonotizia / Torna in acqua la nave dei centri sociali

Milano, il sindaco Pd dice no all'Autonomia. Protesta la Lega
Pola 18 Agosto 1946: la strage dimenticata
Pola 18 Agosto 1946: la strage dimenticata

Pola 18 Agosto 1946: la strage dimenticata

“Siamo tutti sulla stessa barca”? Certo, ma cominciando dagli italiani...
Don Piacentini: ora i centri sociali e l’ultrasinistra ne disturbano pure la Messa

“Siamo tutti sulla stessa barca”? Certo, ma cominciamo dagli italiani...

Quanto si muore di Aids in Italia
Hiv e Aids, gli ultimi dati dell'Istituto superiore di sanità

Quanto si muore di Aids in Italia

E per alcuni fu "reddito di scrocconeria"...
l'inchiesta shock di la7 in sicilia

E per alcuni fu "reddito di scrocconeria"...


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU