i più sfiduciati sono gli uomini

Giustizia civile: mezzo Paese è insoddisfatto

Lo rivela un rapporto dell'Istat: nell'ultimo triennio ben 1 milione 555 mila persone hanno deciso di rinunciare ad avviare una causa per i costi troppo elevati o per l'incertezza sui tempi di svolgimento

Fabio Cantarella
Il 52% dichiara di essere poco o per niente soddisfatto di quella civile

Il 52% di coloro che hanno avuto una esperienza diretta con la giustizia civile dichiara di essere poco o per niente soddisfatto. Un'insoddisfazione maggiore fra gli uomini (57%) che fra le donne (46,8%), che diventa "profonda insoddisfazione" (67,3%) da parte di chi aspetta da almeno cinque anni la pronuncia del giudice come pure da parte di chi ha sostenuto costi elevati assolutamente non previsti (70%).

Sono i dati Istat riferiti al 2015 sul rapporto tra cittadini e giustizia civile. Negli ultimi tre anni - riferisce il report - ben 1 milione 555mila persone hanno deciso di rinunciare ad avviare una causa civile per il timore di sostenere costi troppo elevati rispetto al vantaggio conseguibile (30,8%), per l'incertezza dei tempi di svolgimento (25,6%) o dell'esito favorevole (15,5%).

I contenziosi civili - riferisce l'Istat - sono più frequenti nel Nord-est (12,9%) che nel Meridione e nelle Isole (9,2% e 8,6%). E più nei comuni centro di area metropolitana rispetto ai piccoli centri fino a 2mila abitanti (12,3% contro 9,6%).

All'avvio della causa soltanto il 27,8% dei cittadini era a conoscenza dei costi da sostenere; la quota scende all'aumentare dei gradi del giudizio: nei Tribunali o presso il Giudice di pace è pari a circa il 28,0%, diminuisce sensibilmente in Corte d'Appello (25,0%), crolla in Cassazione (7,9%).

Il rapporto Istat mette in evidenza anche il fatto che non tutti sanno che è possibile raggiungere un accordo reciprocamente soddisfacente attraverso forme di risoluzione extragiudiziali. Solo il 41,9% conosce l'arbitrato e il 43,9% il significato di mediazione Civile. Nel corso della vita la quota di cittadini che ha utilizzato tali strumenti è di circa il 3,6%.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...
andarono per suonare e furono suonati

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...

Blocco navale nel Mediterraneo? Lo propone il Belgio!
Il Pd è riuscito a costringere gli Stati europei a sospendere Schengen o chiudere le frontiere

Blocco navale nel Mediterraneo? Lo propone il Belgio!

La megamoschea di Sesto non si farà. Esulta la Lega
stoppata dalla nuova giunta di centrodestra

La megamoschea di Sesto non si farà. Esulta la Lega

Stop moschea a Sesto, "migreranno" tutti a Cinisello?
lega ancora sulle barricate nel milanese

Stop moschea a Sesto, "migreranno" tutti a Cinisello?

La povertà non ha stagione
Un anno da fame attraverso le storie realizzate da IlPopulista.it

Povera Italia: per mangiare si rovista tra i rifiuti

L'ultima mazzata della Ue: le regole autostradali che ammazzano l'impresa
ciocca: "LE NUOVE REGOLE CREANO DISOCCUPAZIONE"

L'ultima mazzata della Ue: le norme autostradali che ammazzano l'impresa


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU