Invasione senza fine

Emergenza continua: in un solo giorno, traghettati in Italia 7mila clandestini

Nel giorno in cui si sarebbe dovuto ricordare il naufragio di 3 anni fa, si è registrato un record di arrivi: 39 le imbarcazioni recuperate, alcune vittime

Redazione
Emergenza continua: in un solo giorno, traghettati in Italia quasi 7mila clandestini

Clandestini recuperati in Libia. Foto ANSA

Sono circa settemila i clandestini recuperati lunedì 3 ottobre nel tratto di mare tra la Sicilia e le coste del Nordafrica, a bordo di 39 imbarcazioni; si contano anche una decina di vittime. Nel giorno in cui si sarebbe dovuto ricordare il naufragio avvenuto tre anni fa a largo di Lampedusa nel quale persero la vita 366 persone, si è registrato un vero e proprio record di arrivi. Secondo il bilancio della centrale operativa della guardia costiera di Roma che ha coordinato le operazioni, solo dalle 5 alle 20 di lunedì sono stati almeno 5780 i clandestini recuperati, un dato - ha spiegato la stessa centrale - destinato a crescere, perché non tutte le operazioni si sono concluse in serata e i conteggi andranno aggiornati.

Sono state effettuate 39 diverse operazioni nello stretto di Sicilia: i clandestini erano partiti a bordo di 32 gommoni, 5 barconi, e due zattere. Su un gommone i soccorritori hanno rinvenuto sette cadaveri, una salma è stata recuperata in un barcone mentre un altro immigrato, soccorso già in fin di vita sul barcone, è morto mentre era a bordo della nave Dignity One di Msf, intervenuta nel recupero. Dalla nave di Medici senza frontiere sono state trasportate in ospedale, prima con una motovedetta della guardia costiera, poi con un elicottero, dove un medico volontario dell'ordine di Malta ha prestato i primi soccorsi, anche una donna incinta e una bambina, accompagnata dalla madre, con problemi respiratori a causa dei fumi emessi dai motori del barconi. Entrambe sono arrivate a Lampedusa e non sono in pericolo di vita.

Alle 5 del mattino la Aquarius, nave di Sos Mediterranée, era andata fino al largo della Libia, a Nord Ovest di Tripoli, a caricare 720 persone che sono state destinate al porto di Vibo Valentia. Si tratta di 529 uomini e 191 donne (10 sono incinte), 198 minorenni, 178 dei quali non accompagnati, 9 bambini sotto i 5 anni. Provengono in larghissima parte (683) dall'Eritrea, ma anche dalla Somalia, Etiopia, Chad, Palestina, Egitto, Nord e Sud Sudan. Sempre lunedì, in serata, è approdata nel porto di Pozzallo la nave Topaz Responder con 326 clandestini a bordo, in maggioranza uomini (280), per il resto 38 donne e 8 minori. Cinque i ricoverati in ospedale: tre donne in gravidanza e due traumatizzati. A bordo della nave militare Borsini, diretta al porto di Augusta, altri 741 immigrati partiti su sei gommoni. Uno di loro non ce l'ha fatta, portando il bilancio provvisorio della giornata a quasi 7mila arrivi e 10 vittime.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU