Sequestrati beni per 250mila euro

Impiegata di banca truffava i clienti a Udine: sottratti circa 2 milioni di euro

Avrebbe proposto investimenti finanziari in titoli o azioni, intascando il denaro oppure dirottandolo su conti correnti paralleli e presentando rendiconti falsi

Redazione
Impiegata di banca truffava i clienti a Udine: sottratti circa 2 milioni di euro

Foto ANSA

I Carabinieri e la Guardia di Finanza di Tolmezzo (Udine) hanno eseguito martedì 4 ottobre un sequestro preventivo "per equivalente" di beni mobili e immobili per un valore di 250.000 euro nei riguardi di un'impiegata di banca accusata di aver distratto i soldi dei correntisti dell'istituto di credito. La donna è stata sottoposta alla misura cautelare dell'obbligo di dimora per decisione del gip di Udine. Nei suoi riguardi la Procura di Udine, che coordina le indagini, ha ipotizzato i reati di truffa e riciclaggio. Perquisizioni sono state fatte nell'abitazione della donna e del marito e di altre persone che non risultano indagate. I beni sottoposti a sequestro - si apprende dagli investigatori - sono denaro, immobili e borse di pregio, i Carabinieri e la Guardia di Finanza hanno eseguito anche un'ordinanza di applicazione della e dei decreti di perquisizione locale nei confronti della donna, del coniuge e di terzi soggetti non indagati.

Una passione per le borse di lusso, fino ad averne ben 18, tutte di grandi griffe, da Luis Vuitton a Prada, Fendi, Chanel, The Bridge: è quella dell'impiegata accusata di truffa e riciclaggio a danni dei clienti della banca per una cifra che - secondo le stime degli investigatori - ammonta a due milioni di euro. Oltre alle 18 borse e a una potente Audi Q3, alla donna i Carabinieri e la Guardia di Finanza hanno sequestrato un'abitazione e altri beni. L'indagine è partita a gennaio dalla denuncia di un anziano cliente che si è lamentato per l'inspiegabile ammanco di 150 mila euro dal conto. Sono venuti così alla luce i casi di diversi clienti caduti nel raggiro, soprattutto anziani ed emigranti rientrati in Italia con i risparmi di una vita di lavoro all'estero.

L'impiegata - secondo la ricostruzione degli investigatori - avrebbe carpito la fiducia dei correntisti e, prospettando loro la possibilità di effettuare proficui investimenti finanziari in titoli o azioni, si sarebbe fatta consegnare denaro contante in più tranche, che avrebbe intascato o dirottato su altri conti correnti paralleli. La donna avrebbe anche operato materialmente sui conti dei truffati a loro completa insaputa, consegnando poi loro rendiconti fittizi con l'indicazione di irreali patrimoni e profitti. Il "libro mastro" delle operazioni, un'agenda contenente dettagli fondamentali per la ricostruzione della vicenda, è stato ritrovato da Carabinieri e Fiamme gialle in una perquisizione eseguita il 3 febbraio a casa dell'indagata, dove è stata sequestrata documentazione cartacea ed elettronica.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Vota il tuo mini Bot: quale preferisci?
Il concorso lanciato da Claudio Borghi

Vota il tuo Mini BOT: quale preferisci?

Renzi il diffamatore
Ancora Tu? Ma non dovevamo vederci più!?

Renzi il diffamatore

La Camera dà l'OK al Ddl antifascismo
le priorità della sinistra

La Camera dà l'OK al Ddl antifascismo

Molesta ragazzino, arrestato nel Reggiano
beccato accanto all'oratorio

Palpeggia ragazzino, arrestato nel Reggiano


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU