lite tra "risorse"

Milano, tunisino accoltella marocchino. Arrestato

Il fermato è ritenuto l'autore del tentato omicidio del 38enne marocchino avvenuto lo scorso sabato davanti a un ristorante in via Ciceri Visconti

Redazione
Milano, tunisino accoltella marocchino. Arrestato

La squadra mobile della Questura di Milano ha fermato B.B, un 29enne tunisino pregiudicato, ritenuto l'autore del tentato omicidio del 38enne marocchino avvenuto lo scorso sabato davanti a un ristorante in via Ciceri Visconti. Gli investigatori, diretti da Lorenzo Bucossi, sono arrivati al responsabile dalle dichiarazione dei testimoni e un nomignolo che ha portato a un profilo Facebook di un conoscente dell'aggressore.

Il 29enne, che aveva abbandonato l'appartamento in via del Turchino in cui abitava è stato trovato nella notte tra domenica e lunedì a casa di un conoscente della moglie in via Appenini, dove si era nascosto. La vittima, nonostante sia in prognosi riservata al Niguarda dopo un'operazione a cuore aperto, ha riconosciuto B.B. come il suo aggressore. 

La vicenda era successa in pieno pomeriggio, quando il 38enne era intervenuto per sedare una lite tra un gruppo di 7-8 tunisini, ma il diverbio era degenerato rapidamente a tal punto che uno dei litiganti gli aveva sferrato una coltellata all'addome vicino al cuore. Il fermo per tentato omicidio è stato convalidato mercoledì.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Rifugiati, l'Onu approva il Global compact on Refugees
vogliono farci invadere a tutti i costi

Rifugiati, l'Onu approva il Global Compact on Refugees

Stasera tutto esaurito a Parma per “Red Land - Rosso Istria”
Dopo il boicottaggio dei “neo-comunisti” a Pordenone…

Stasera tutto esaurito a Parma per “Red Land - Rosso Istria”

Amnesty International schiuma di rabbia: l'attacco a Salvini
Non hanno digerito lo stop all'invasione clandestina

Amnesty International schiuma di rabbia: l'attacco a Salvini

Quell’incrocio perverso fra “nuovi diritti” e immigrazione clandestina
Permesso di soggiorno per convivenza di fatto: altro regalo al racket

Quell’incrocio perverso fra “nuovi diritti” e immigrazione clandestina

"No rimpatrio". E le "risorse" incendiano il Centro accoglienza
Racket delle case occupate, nove arresti a Milano. Zecche rosse comprese
Tra i fermati uno studente modello. Sigilli anche a un centro sociale

Racket delle case occupate, nove arresti a Milano. Zecche rosse comprese


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU