Obiettivo minimo centrato

Dominio Mercedes a Monza, ma la Ferrari è sul podio

Nel GP d'Italia vittoria in solitaria per Rosberg che approfitta del disastro in partenza di Hamilton poi secondo all'arrivo. Vettel riporta la rossa sul podio seguito da Raikkonen

Fabrizio Berini
Le due Ferrari durante il GP di Monza

Foto ANSA

Ennesima doppietta Mercedes nel gran premio d'Italia disputato sul circuito di Monza con la seconda vittoria consecutiva di Nico Rosberg che approfitta dell'errore in partenza del compagno di scuderia, Lewis Hamilton, e riduce a soli 2 punti il distacco nella classifica mondiale. Ci aspetta un finale di stagione incandescente dove chi vorrà vincere tra i due piloti delle Frecce d'argento dovrà necessariamente attaccare il rivale.

Ci sarebbe ben poco da raccontare in un Gran Premio in cui i valori in pista hanno confermato quanto intuito durante le qualifiche ma non si può non sottolineare la comunque ottima prestazione della Ferrari capace di tornare sul podio dopo 5 gare di assenza mantenendo il distacco dalle Mercedes nell'ambito del decente. Scendono così a 12 i punti di ritardo della scuderia di Maranello dalla Red Bull nella classifica costruttori anche grazie all'intromissione della Williams di Valtteri Bottas tra le due monoposto austriache. La competitività della scuderia di Sir Frank in questo finale di stagione potrebbe essere una discriminante chiave per l'inseguimento al primo posto "degli altri".

La vera menzione d'onore va riservata allo straordinario pubblico dell'autodromo di Monza che, complice la posizione del sopraelevata del podio quasi ai margini della pista, rende più unico che raro lo spettacolo della premiazione e confermando una volta di più, con le parole degli stessi piloti, che un Gran Premio come quello brianzolo non può proprio mancare nell'attuale Formula 1.

Sebastian Vettel dal podio del gran premio di Monza ha voluto ringraziare le migliaia di tifosi della casa di Maranello che lo acclamavano e durante l'intervista ufficiale in inglese con Eddie Jordan ha risposto in italiano: "Grazie, siete i migliori del mondo. Noi siamo la Ferrari''.

"Se sono soddisfatto? Se la risposta è secca dico no, ma se penso a da dove siamo partiti, dico sì". E' il commento di Sergio Marchionne, presidente Ferrari, dopo il terzo posto a Monza. "Il team era pronto a vincere qui, ma la Mercedes ha fatto una gara quasi impeccabile e noi abbiamo dato il massimo. Il team c'è abbiamo tutto, l'unico divario ora è aerodinamico. Ma se penso a come stavo a inizio stagione, ora mi sento meglio. Ora la stagione dobbiamo finirla bene".

Prima che cominciasse il frastuono dei motori, è calato il silenzio sull'autodromo di Monza. Un minuto di raccoglimento dedicato alle popolazioni colpite dal terremoto nel Centro Italia da parte di tifosi, meccanici e manager nei box e dai piloti, allineati in pista alle spalle del patron della Formula 1, Bernie Ecclestone, del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Luca Lotti, del presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, quello dell'Aci, Angelo Sticchi Damiani, e quello della Ferrari, Sergio Marchionne. Il minuto di silenzio si è chiuso con il volo delle Frecce Tricolori, al termine del quale è scattato l'applauso del pubblico.

Questo l'ordine d'arrivo dei primi 10 classificati che prendono punti del Gp d'Italia:

1. Nico Rosberg (Ger/Mercedes) 53 giri in 1h17'28"089
2. Lewis Hamilton (Grb/Mercedes) a 15"070
3. Sebastian Vettel (Ger/Ferrari) a 20"990
4. Kimi Raikkonen (Fin/Ferrari) a 27"561
5. Daniel Ricciardo (Aus/Red Bull) a 45"295
6. Valtteri Bottas (Fin/Williams) a 51"015
7. Max Verstappen (Ola/Red Bull) a 54"236
8. Sergio Perez (Mex/Force India) a 1'04"954
9. Felipe Massa (Bra/Williams) a 1'05"617
10. Nico Hulkenberg (Ger/Force India) a 1'18"656 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Kurz: "Siamo di fronte ad una catastrofe migratoria"
Le parole del Cancelliere austriaco

Kurz: "Siamo di fronte ad una catastrofe migratoria"

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Fotografa sederi a torneo, denunciato
un 40enne della provincia di Ancona è stato denunciato dalla Polizia di Stato per molestie

Fotografa sederi a torneo, denunciato

Mondiali: l'Isis minaccia attentati in un video
i mondiali di calcio russi nel mirino del califfato

Mondiali: l'Isis minaccia attentati in un video

Calcio: persino la Francia colonizzata
durante la partita con l'albania

Calcio: persino la Francia colonizzata

Stadio della Roma: nove arresti per corruzione, anche vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio
anche vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio

Stadio della Roma: nove arresti per corruzione

Balotelli, una maglia per la pelle
Il calciatore italiano si fa paladino degli immigrati. Cosa non si fa per la pubblicità

Balotelli, una maglia per la pelle


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU