MUSICA

Talento e connessioni, così Marco Rotelli è riuscito a farsi strada. Ma non parlategli di business musicale

Ad un anno dalla pubblicazione dell’album “Il mio domani”, torna a far parlare di sè il cantautore milanese con il suo nuovo singolo "La musica è finita"

Elena Salvarezza
Talento e connessioni, così Marco Rotelli è riuscito a farsi strada. Ma non parlategli di business musicale

Talento e connessioni. Senza il primo non esiste il secondo. Lo sa bene Marco Rotelli che continua la sua scalata a mani nude nel mondo della discografia musicale. Proprio così. Nessun talent show all'attivo. Ma una vita dedicata completamente alla musica. La sua.

Con il nuovo singolo "La musica è finita", che lo riporta in scena più che mai agguerrito e coraggioso, non canta l'amore ma il dissapore nei confronti del mercato musicale.
"Scrissi 'La musica è finita' in un momento di crisi personale. Tutto sembrava andare storto e davanti a me vedevo solo muri altissimi". Si affida a queste parole Marco Rotelli, per introdurre un pezzo la cui potenza sarà interessante tastarla anche live, ma le oltre 40.000 visualizzazioni su You Tube confermano già ogni tipo di aspettativa.

"La mia vita è i miei sogni - continua il cantautore milanese-, erano nelle mani di altre persone e il mio futuro artistico dipendeva da loro. Una sensazione che non auguro a nessuno. Per me, in Italia, la musica è finita, appunto, e non ho paura né di ammetterlo né di essere criticato per averlo detto". E per quanto riguarda la sua produzione sottolinea: "Il brano rappresenta un ideologico “passaggio di testimone” dall’Italia all’estero", che proseguirà con la pubblicazione, a dicembre, per il mercato spagnolo e sudamericano, di una nuova canzone in duetto con David Neira".

Una nuova fase artistica quella a cui si affaccia Marco Rotelli che, nonostante la giovane età, ha il coraggio di assumere una posizione personale nei confronti del business musicale e dei modelli emessi dai "suoi laboratori".  E lo fa esprimendola in maniera diretta attraverso il linguaggio che più gli appartiene.
In questa sfida, la produzione è affidata a Larsen Premoli di RecLab Studios, mentre ad accompagnare la sua voce, solo chitarra, basso, batteria, pianoforte e violini. Niente di finto o di emulato.

Considerando la velocità con cui oggi nascono e muoiono i cantanti, la sua determinazione (e ne ha davvero da vendere) gli ha permesso di macinare chilometri dal 2014, anno in cui uscì il suo primo singolo “Il mio domani”, o ancora dai brani “Parlami cercami”, “Vivi”, “Fermeremo il tempo”, che ha cantato con la cantante Deborah Iurato, “Mille volte me” e dal disco “Il mio domani”, uscito il 17 gennaio 2016. In questi anni Rotelli ha saputo sperimentare nuove strade e nuovi generi musicali, arrivando a toccare le difficili corde del rock.
Ma forse il trucco è proprio questo: quando si fanno le cose per mera passione, e soprattutto non scendendo a compromessi, siamo in grado di raggiungere anche gli obiettivi più complessi.

Titolo e copertina del nuovo brano di Marco Rotelli.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Asti, legata e violentata per 24 ore da due tunisini
sequestrata e nascosta in uno scantinato

Asti, legata e violentata per 24 ore da due tunisini

Troppi stranieri in classe? L'apprendimento generale cala
quel test invalsi che non piace ai buonisti

Troppi stranieri in classe? L'apprendimento generale cala

"I giovani riscoprono l'artigianato"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU