Niente da festeggiare

25 anni dopo Maastricht, è certificato il fallimento di questa Unione Europea

A un quarto di secolo dalla firma del trattato, tutte le promesse fatte allora sono state tradite. Dalla crisi economica e dalla Brexit i definitivi colpi di grazia

Redazione
25 anni dopo Maastricht, è certificato il fallimento di questa Unione Europea

La sottoscrizione del trattato. Foto ANSA

Maastricht, capitale del Limburgo olandese, è una cittadina con poco più di 100mila abitanti sulle rive della Mosa. Qui, a pochi chilometri dai confini con la Germania e il Belgio, il 7 febbraio del 1992 i 12 paesi che allora formavano la Comunità europea firmarono il trattato che ha portato negli anni seguenti a inseguire le chimere dell'integrazione delle economie e della creazione dell'Euro. Erano passati solo due anni dalla caduta del muro di Berlino, e l'Europa sembrava destinata a un futuro federale. Venticinque anni dopo quella firma, l'ipotizzata integrazione appare fallita, e la storia ha mostrato che quello che l'errore compiuto allora conteneva già tutte le debolezze che hanno contribuito alla crisi attuale. La focalizzazione sull'Unione economica senza nemmeno considerare quella politica, la scarsa attenzione per l'aspetto sociale, la rinuncia dell'Europa a ruoli nella politica estera e nella sicurezza globale, la rigidità dei parametri stabiliti perché i paesi potessero rientrare nella moneta unica: tutti fattori che, visti un quarto di secolo dopo, hanno contribuito a scrivere alcune delle pagine più difficili dell'ultimo periodo.

Oggi la tempesta eurocritica si è abbattuta su tutti i sistemi politici europei e in molti Paesi, tra i quali l'Italia, l'euro è diventato il simbolo dell'impoverimento economico di quei cittadini che guardano con crescente rabbia a una classe dirigente accusata di aver tradito le promesse di quel 7 febbraio 1992 che sembrava dover aprire agli europei i cancelli di un futuro più stabile e prospero. Il fuoco del nazionalismo è tornato ad ardere, e gli elettori premiano i partiti cosiddetti "populisti" che fanno del No all'euro e della critica a questa Unione europea vista sempre più come una gabbia il loro cavallo di battaglia come il Front National, la Lega o Alternative Fur Deutschland. Le istituzioni europee, viste sempre più come un castello dorato dentro il quale si sono arroccati i membri della "troika" che guardano solo agli interessi di grandi imprenditori, speculatori e banchieri, hanno ricevuto nel giugno dello scorso anno il colpo di grazia dalla Brexit, il referendum con il quale i cittadini della Gran Bretagna hanno scelto di andarsene dall'Unione, e dalla vittoria di Donald Trump negli Stati Uniti.

L'Unione europea sta vivendo la sua crisi più profonda da quando, ormai sessant'anni fa, furono firmati i trattati di Roma. Lo ha riconosciuto lo stesso presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, che non ha esitato, nei giorni scorsi, ad agitare lo spauracchio della guerra per giustificare l'accanimento terapeutico su una sovrastruttura ormai avviata alla fine. Il prossimo avvio del negoziato per la Brexit, che per la prima volta ridurrà il numero dei partecipanti al blocco, l'aumento del sostegno ai partiti eurocritici, la conseguente incertezza legata alle prossime scadenze elettorali in alcuni dei principali paesi europei e la politica protezionistica del nuovo presidente americano, rendono il "compleanno" della firma del trattato particolarmente amaro. Maastricht ai cittadini italiani ricorda soprattutto il patto di stabilità, ovvero quei parametri sul rapporto tra deficit e Pil in nome dei quali gli ultimi governi hanno giustificato aumento delle tasse e tagli dei servizi. C'è quindi ben poco da festeggiare, in questo anniversario, ma molto su cui riflettere se si vuole costruire un futuro meno fallimentare.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Vota il tuo mini Bot: quale preferisci?
Il concorso lanciato da Claudio Borghi

Vota il tuo Mini BOT: quale preferisci?

Petizione contro Il Moretto: il nome è razzista
Punjab, studente pakistano ucciso a bastonate perché cristiano
aveva bevuto l'acqua riservata ai musulmani

Punjab, studente pakistano ucciso a bastonate perché cristiano

L'Esercito USA si libera dei foreign fighters?


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU