PRIMA DELL'ADDIO DI OBAMA

WikiLeaks offre ricompensa per nuovi documenti da Casa Bianca

"Offriamo una ricompensa di 20.000 dollari per informazioni che portino all'arresto o all'inserimento nella lista nera di qualsiasi agente dell'amministrazione Obama che abbia distrutto dossier importanti" si legge in un tweet

Fabio Cantarella
WikiLeaks offre ricompensa per nuovi documenti da Casa Bianca

WikiLeaks ha promesso ieri una ricompensa per qualsiasi informazione trapelata dalla Casa Bianca prima della partenza del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, mentre il suo fondatore Julian Assange ha ribadito che la Russia non è dietro lo scandalo delle email di Hillary Clinton. "Avviso agli amministratori informatici: non lasciate che la Casa Bianca distrugga di nuovo la storia degli Stati Uniti! Copiate (i documenti) ora e inviateli a WikiLeaks quando volete!" si legge in un tweet dell'organizzazione specializzata nella rivelazione di documenti segreti.

"Offriamo una ricompensa di 20.000 dollari per informazioni che portino all'arresto o all'inserimento nella lista nera di qualsiasi agente dell'amministrazione Obama che abbia distrutto dossier importanti", aggiunge WikiLeaks.

Da parte sua, Julian Assange ha rilasciato una lunga intervista all'emittente televisiva americana Fox dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra, dove si è rifugiato nel 2012. Assange si è nuovamente rifiutare di rivelare la fonte dello scandalo dlele email di Hillary Clinton, ribadendo però che "non si tratta del governo russo". In ogni caso, ha aggiunto, è "impossibile dire" se questo scandalo abbia favorito l'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Qualcuno salvi Spelacchio!
50mila euro dei contribuenti buttati al vento

Qualcuno salvi Spelacchio!

Turchia in Europa? L'Austria dice "nein". Ed Erdogan sbrocca
populisti al governo con le idee chiare

Turchia in Europa? L'Austria dice "nein". Ed Erdogan sbrocca

L'immigrazione divide l'Unione europea: duro scontro fra la Merkel e Donald Tusk
Orbán: 30 milioni di euro per proteggere le frontiere Ue

L'immigrazione divide l'Unione europea: duro scontro fra la Merkel e Donald Tusk


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU