e poi diciamo dell'islam...

Picchi la moglie? Le "botte episodiche" non sono reato

Per anni un torinese ha malmenato la moglie, ma il Tribunale ha stabilito che si è trattato di casi sporadici e particolari e dunque il reato di "maltrattamenti in famiglia" è caduto

Redazione
Picchi la moglie? Le "botte episodiche" non sono reato

Le percosse alla convivente furono "atti episodi legati a situazioni contingenti e particolari". Con questa motivazione un uomo di 41 anni è stato assolto da un giudice del Tribunale di Torino dal reato di maltrattamenti in famiglia: il fatto non sussiste. La condanna a sei mesi (con la condizionale) è arrivata per la violazione degli obblighi assistenziali.

La pubblica accusa, al processo, ha presentato nove certificati medici rilasciati dai pronto soccorso in otto anni, dal 2008 al 2014. La sentenza, oltre a fare presente che "non tutti gli episodi sono riconducibili ad aggressioni da parte dell'imputato", ha sancito che "non è emersa una sottoposizione della donna a una serie di atti di vessazione continui e tali da cagionare un disagio continuo e incompatibile con normali condizioni di vita".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU