sangue nel Logar

Attentato al tribunale afghano: 19 feriti e 5 morti, anche un procuratore

Gli attaccanti indossavano abiti femminili e questo ha permesso loro di giungere facilmente a ridosso dell'ingresso della Corte d'appello

Redazione
Attentato al tribunale afghano: 19 feriti e 5 morti, anche un procuratore

C'è anche un procuratore capo di nuova nomina tra le cinque vittime di un attacco compiuto oggi da un commando di talebani travestiti da donna durante una cerimonia nel palazzo della Corte d'appello nella provincia centrale afghana di Logar. Lo ha riferito il responsabile locale della polizia, Nesar Ahmad Abdul Rahimzai, aggiungendo che sono 19 le persone rimaste ferite e che tutti e tre uomini che facevano parte del commando sono stati uccisi nello scontro a fuoco con le forze di sicurezza. I talebani hanno rivendicato l'attacco.


Secondo le prime informazioni disponibili, i civili sono rimasti feriti nella prima fase dell'attacco. Il portavoce del governo provinciale ha reso noto che "gli attaccanti indossavano abiti femminili e questo ha permesso loro di giungere facilmente a ridosso dell'ingresso della Corte d'appello". L'1 giugno scorso un altro commando di talebani ha assaltato la Corte d'appello della provincia di Ghazni, con un bilancio complessivo di dieci vittime: quattro attaccanti, un agente di polizia e cinque civili.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo
quasi staccarono un braccio a un controllore

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU