Eseguiti 38 fermi in tutta Italia

Il business dell'immigrazione: gli affari milionari degli scafisti

La Polizia di Palermo ha smantellato un'organizzazione che inventava fasulli ricongiungimenti familiari e organizzava i barconi della morte. Il pentito parla di un orribile traffico di organi

Marco Dozio
Il business dell'immigrazione: gli affari milionari degli scafisti

Foto ANSA

Inventavano ricongiungimenti fasulli, tra stranieri già residenti in Italia e clandestini in procinto di partire con cui non sussisteva alcun legame di parentela. E naturalmente organizzavano i viaggi della disperazione via mare. Un vero e proprio network internazionale di scafisti e trafficanti, capace di generare un business milionario. La Polizia di Stato di Palermo sta eseguendo 38 fermi in diverse città italiane. Le accuse, a vario titolo, spaziano dei reati di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina all'esercizio abusivo dell'attività di intermediazione finanziaria, fino all’associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti. Capi d’accusa aggravati dal carattere transnazionale dell’organizzazione criminale.

Le indagini svolte dalle Squadre mobili di Palermo ed Agrigento e dal Servizio centrale operativo hanno consentito di ricostruire i movimenti dell’ingente flusso di denaro derivante dal traffico di clandestini. Identificata anche la centrale delle transazioni finanziarie effettuate tramite "hawala" in un esercizio commerciale di Roma, dove a metà giugno sono stati sequestrati 526.000 euro e 25.000 dollari in contanti, oltre a un dettagliato elenco con nomi di cittadini stranieri e relativi numeri di telefono. Gli investigatori hanno anche scoperto come alcuni indagati abbiano messo in piedi un fiorente traffico internazionale di droga, in particolare di qat, stupefacente importato dall'Etiopia che per la legislazione italiana figura tra le droghe pesanti.

Come racconta il Corriere della Sera, l’indagine ha preso le mosse dalle dichiarazioni di un pentito, il quale riferisce di orribili uccisioni finalizzate al traffico di organi: “Talvolta i migranti non hanno i soldi per pagare il viaggio che hanno effettuato via terra, né a chi rivolgersi per pagare il viaggio in mare, e allora mi è stato raccontato che queste persone che non possono pagare vengono consegnate a degli egiziani, che li uccidono per prelevarne gli organi e rivenderli in Egitto per una somma di circa 15.000 dollari. In particolare questi egiziani vengono attrezzati per espiantare l’organo e trasportarlo in borse termiche”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Giggino, il (quasi) fallito, ha 60 giorni per trovare 2 miliardi
Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Latina, sorprende ladro, spara e ne uccide uno
Avvocato esplode 8 colpi di pistola

Latina: sorprende ladro, spara e ne uccide uno

Scoppia la lite nel suk di Torino, nigeriano accoltella e uccide un italiano
da tempo i cittadini dicono no al ghetto dei clandestini

Scoppia la lite nel suk di Torino, nigeriano accoltella e uccide un italiano


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU