Un partito allo sbando

Immigrazione, a Ventimiglia scoppia la rivolta nel PD: "Il partito ci lascia soli"

I militanti del partito di Renzi si sentono ormai abbandonati, lasciati in balia di sé stessi di fronte all'emergenza clandestini che ha travolto la città

Redazione
Immigrazione, a Ventimiglia scoppia la rivolta nel PD: "Il partito ci lascia soli"

Clandestini a Ventimiglia. Foto ANSA

Trentacinque iscritti del Partito Democratico di Ventimiglia hanno inviato una lettera alla segreteria regionale genovese e a quella centrale romana del partito: "Dopo un periodo difficile con diverse autosospensioni dei componenti del direttivo cittadino - scrivono - sono seguite le irrevocabili dimissioni del segretario del circolo. Queste decisioni pur comunicate agli organi competenti, non hanno provocato alcun tipo di reazione, nessuna azione è stata svolta con la conseguenza, che di fatto il circolo è stato congelato, lasciato in uno stato di abbandono e completamente ignorato, si è creato un totale immobilismo dell'attività politica locale e nazionale".

La rivolta è nata dopo l'invasione di immigrati clandestini nella cittadina di confine: "Tutto questo è avvenuto e sta proseguendo in un momento particolare per la comunità ventimigliese, che deve affrontare una emergenza sociale di elevata importanza e sensibilità, quale quella del fenomeno dei profughi, una tematica di risonanza europea...". I militanti si sentono abbandonati: "Ci rammarica quindi dover rilevare l'assenteismo totale, il disinteresse e la mancata considerazione nei nostri confronti, da parte della segreteria provinciale e regionale e delle problematiche di questa città. Un gruppo dirigente provinciale, che ha lasciato decantare tale situazione per più di tre mesi, nell'assoluto complice silenzio degli organi provinciali e regionali".

Il problema era stato già evidenziato, alla fine del mese di maggio, dall'autosospensione dal partito del sindaco Ioculano e dei consiglieri di maggioranza, in segno di protesta contro l'abbandono da parte degli organi centrali del partito e del governo Renzi, accusati di aver lasciato il Comune di Ventimiglia in balia di sé stesso, di fronte all'emergenza clandestini: circa novecento immigrati che bivaccavano tra le strade e il centro d'accoglienza, con continui episodi di degrado e violenza. A luglio ci sono state le dimissioni del segretario del circolo PD di Ventimiglia, Domenico Casile.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU