Terrorismo islamico

Gli attentati di Parigi e Bruxelles furono affidati a un'unica cellula dell'Isis

Dalle carte dell'inchiesta, rese in parte note dal quotidiano Le Monde, emerge che gli obiettivi erano interscambiabili e furono decisi all'ultimo minuto

Redazione
Gli attentati di Parigi e Bruxelles furono attuati da un'unica cellula dell'Isis

Fiori e candele per le vittime a Parigi. Foto ANSA

Un progetto di grande ampiezza, ramificato, studiato fin nei minimi particolari, con obiettivi precisi ma intercambiabili, covi che ospitavano i terroristi a rotazione e ogni volta riforniti di tutto: frigo pieno, tablet connessi a Internet, playstation per ingannare le ore d'attesa. Questi e altri particolari sono contenuti nelle carte dell'inchiesta sugli attentati di Parigi che mercoledì 5 ottobre il quotidiano Le Monde ha reso parzialmente note. Secondo gli inquirenti, pertanto, gli attacchi del 13 novembre a Parigi e del 22 marzo a Bruxelles furono affidati dall'Isis a un'unica cellula.

Obiettivi e uomini sarebbero stati dislocati secondo direttive impartite spesso all'ultimo momento, mentre i luoghi da colpire potevano essere intercambiabili. Sembra, ad esempio, che la metropolitana da colpire fosse, inizialmente, quella di Parigi, poi sarebbe stato deciso di optare per quella di Bruxelles. Il primo dei gruppi operativi si chiamava - secondo quanto ritrovato in un computer lasciato dai terroristi in un cestino - "Omar", nome di battaglia della "mente" del 13 novembre, Abdelhamid Abaaoud, ucciso nel raid della polizia a Saint-Denis il 18 novembre.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Immigrati, chi ci campa?
accoglienza e bastonate

Immigrati, chi ci campa?

Tunisino lo sfregia al volto per rapinarlo, ragazzo rovinato a vita
carpi, Vittima 19enne per bottino da 100 euro

Tunisino lo sfregia al volto per rapinarlo, ragazzo rovinato a vita

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU