Consiglio di Stato conferma sospensione calendario

Sardegna, nuovo stop alla caccia alla lepre e alla pernice

I calendari venatori devono attenersi rigorosamente al principio di precauzione che subordina l'attività venatoria alla conservazione delle specie

Redazione
Sardegna, nuovo stop alla caccia alla lepre e alla pernice

Foto ANSA

Nuovo stop del Consiglio di Stato alla caccia alla Lepre e Pernice sarda. Confermando il decreto del presidente del tribunale amministrativo di secondo grado, i giudici della terza sezione hanno bocciato l'ipotesi della Regione "di differimento ad altra data delle due giornate di caccia del 30 settembre e 7 ottobre 2018". Esultano le associazioni animaliste e gli ambientalisti che erano state chiamate in causa dal ricorso dell'amministrazione regionale che voleva riformare la decisione del Tar che aveva sospeso il calendario venatorio 2018-19 limitatamente alla caccia proprio alla pernice e lepre sarda.

Secondo il collegio del Consiglio di Stato, che ha rimarcato le modifiche presentate dalla Regione con diversi decreti e il parere dell'Ispra che ha escluso il prelievo delle due specie, "il modus procedendi" della Regione Sardegna "non è lineare". Quindi viene ribadito che "pur tenendo conto dei poteri discrezionali che ha la Regione in materia, nello specifico caso in esame, la verifica della intrinseca coerenza del provvedimento impugnato rispetto ai dati conoscitivi acquisiti nel procedimento porta a ritenere, pur in questa prima fase cautelare, sussistenti i vizi dedotti dalle associazioni ricorrenti": ragion per cui l'ordinanza medesima merita conferma e l'appello cautelare deve essere respinto".


"Il Consiglio di Stato rifila una sonora sberla giuridica alla Regione autonoma della Sardegna sulla caccia". I giudici d'appello e quelli del Tar hanno pesantemente censurato l'operato dell'assessorato", guidato da Donatella Spano, "e decenza istituzionale vorrebbe che si dimettesse". Lo chiedono le associazioni ecologiste e ambientaliste in merito alla bocciatura del ricorso presentato dalla Regione sulla caccia della lepre e pernice sarda, per riformare la sospensiva concessa dal Tar sul calendario venatorio 2018-2019.

"Il Consiglio di Stato, seppure in sede cautelare, ha impartito una severissima lezione alla Regione autonoma della Sardegna su come si gestisce il patrimonio faunistico e su come si possono fare i calendari venatori - dice Staefano deliberi a nome del Gruppo d'Intervento Giuridico onlus, Lega per l'Abolizione della Caccia, Lega Anti-Vivisezione, Lega Italiana Protezione Uccelli - LIPU - BirdLife Italia e WWF Italia - Il dubbio, più che lecito e determinato dal comportamento regionale, è se l'Amministrazione regionale sia in grado di trarne insegnamento. Lepri sarde e Pernici sarde sono quindi salve per il secondo anno di seguito". Le associazioni ricordano poi "che il principio fondamentale stabilito dalla legge nazionale, in attuazione dei principi delle norme europee ed internazionali, è 'la conservazione della fauna selvatica' che è considerata patrimonio indisponibile dello Stato ed è tutelata nell'interesse della comunità nazionale ed internazionale".

"I calendari venatori devono attenersi rigorosamente al principio di precauzione che subordina l'attività venatoria alla conservazione delle specie faunistiche - concludono - Può un calendario venatorio costituire una cambiale in bianco per le specie faunistiche? Questa è la domanda fondamentale a cui i giudici amministrativi di primo grado e di appello hanno dovuto rispondere. E in sede cautelare hanno risposto in modo netto e chiaro: No"

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ternate punta su Paola Miola
lavoro, sicurezza, anziani, disabili

VIDEO / Ternate punta su Paola Miola

Acquario: come gestire il pesce chirurgo
immortalato dal film "alla ricerca di dory"

Acquario: come gestire il pesce chirurgo

Bologna, la Polstrada intercetta un traffico di cuccioli
Una quarantina gli animali sequestrati

Bologna, la Polstrada intercetta un traffico di cuccioli


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU