Smentiti i corvi pro-Ue

Brexit, il Giappone: "Le nostre fabbriche di automobili resteranno in Gran Bretagna"

L'ambasciatore di Tokyo smentisce le voci secondo le quali gli imprenditori nipponici se ne vorrebbero andare dopo il sì all'uscita dall'Unione europea

Redazione
Brexit, il Giappone: "Le nostre fabbriche di auto resteranno in Gran Bretagna"

Turisti a Londra e Koji Tsuruoka. Composizione da foto ANSA

Cadono una dopo l'altra come birilli tutte le voci, le paure, le previsioni negative più o meno interessate da parte dei gufi che pronosticavano un futuro disastroso per il Regno Unito dopo il voto sulla Brexit. Gli indicatori economici sono tutti positivi, gli investimenti proseguono, la sterlina galoppa e non si vede all'orizzonte nessuna delle ombre che i sostenitori del "remain" avevano evocato durante la campagna referendaria. Sono in particolare il settore turistico e il terziario a tirare, e le imprese straniere non sembrano affatto intenzionate ad andarsene.

Lo conferma anche l'ambasciatore giapponese a Londra, Koji Tsuruoka, il quale domenica 4 settembre in un'intervista a Bbc Radio 4, riportata dall'agenzia Bloomberg, ha tra l'altro dichiarato che il Giappone valuta l'approccio alle trattative sulla Brexit mostrato dalla premier Theresa May "cauto e paziente". Tsuruoka ha gettato acqua sul fuoco in merito alle ipotesi di addio delle imprese nipponiche alla Gran Bretagna: "È molto difficile - ha detto - immaginare che le aziende giapponesi e l'industria dell'auto in particolare lascino totalmente il Regno Unito".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Stangata di una notte di mezza estate
aumento dei pedaggi autostradali

Stangata di una notte di mezza estate

La Camera abolisce i vitalizi
forza italia non ha partecipato al voto

La Camera abolisce i vitalizi

"Lasceremo andare Charlie con gli angeli"
Il cuore dei Gard sfonda il grigiume di ospedale e tribunali

"Lasceremo andare Charlie con gli angeli"

Clandestini, dopo l'Austria anche Orban si incazza
Italia responsabile dell'invasione

Clandestini, dopo l'Austria anche Orbán si incazza

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...
andarono per suonare e furono suonati

Giornalista USA cerca di cogliere in fallo Putin, ma...


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU