600 km quadrati sottratti all'Isis

In Siria, attentati con autobomba in varie regioni: sarebbero almeno 38 i morti

Gli episodi più gravi si sono verificati a Tartus, vicino a una base navale russa. Altre esplosioni si sono registrate nei pressi di Damasco, a Homs e a Hasake

Redazione
In Siria, attentati con autobomba in varie regioni: sarebbero almeno 38 i morti

Edificio distrutto da un'autobomba a Homs. Foto ANSA

Quattro autobomba sono esplose nella mattinata di lunedì 5 settembre in regioni siriane controllate dai governativi: due ordigni sono esplosi a Tartus, sulla costa, un altro vicino Homs, nel centro del Paese, e un quarto a Sabbura, tra Damasco e il confine con il Libano. Un primo bilancio parla di almeno 38 vittime, di cui 4 soldati governativi. Tartus ospita fra l'altro la base navale russa. Intanto non c'è intesa fra Mosca e Washington al G20 sulla crisi siriana, con divergenze a cominciare dal cessate il fuoco, ma i russi fanno sapere che il lavoro va avanti.

Le prime due esplosioni sono avvenute lungo una strada alle porte della città costiera, che ospita una base navale russa: "Abbiamo avuto notizia di una doppia esplosione all'ingresso della città di Tartus, sull'autostrada, sotto il ponte Arzuna", ha riferito l'agenzia Ria Novosti citando le forze dell'ordine locali. Quelli avvenuti a Tartus sarebbero gli episodi più gravi, che hanno causato il maggior numero di morti.

Secondo fonti militari turche, dall'inizio dell'operazione "Scudo dell'Eufrate", il 24 agosto, l'esercito di Ankara e i ribelli siriani suoi alleati avrebbero tolto circa 600 km quadrati di territorio allo Stato islamico e alle milizie a maggioranza curda delle Forze democratiche siriane. Il premier di Ankara, Binali Yildirim, domenica 4 settembre ha affermato che "da Azaz a Jarablus, 91 km del nostro confine sono stati interamente messi al sicuro. Tutte le organizzazioni terroristiche sono state respinte e sono fuggite".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Albergatore offre ospitalità ai terremotati italiani? "Razzista!"
Intervista al titolare dell'Agriclub di Venaus

Albergatore offre ospitalità ai terremotati italiani? "Razzista!"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU