Voglia di sesso omosessuale o vendetta?

Tre pakistani richiedenti asilo tentano di stuprare un loro connazionale

L'episodio si è verificato all'interno di una struttura di accoglienza a Castelnovo del Friuli. La vittima si è salvata dall'aggressione sessuale grazie all'intervento di altri ospiti del centro

Ismaele Rognoni
Gela: Viene lasciato dalla fidanzata e chiede di essere arrestare. Carabiniere rifiuta, lui lo aggredisce

Foto ANSA

Lo scorso giovedì sera tre richiedenti asilo provenienti dal Pakistan, non si sa per libidine di un sesso di gruppo omosessuale o solamente per pura vendetta, hanno tentato di violentare un loro connazionale all'interno del centro di accoglienza di Paludea, a Castelnovo del Friuli.
Infatti, dopo aver cenato, un giovane pakistano era tornato nella sua stanza dove, poco dopo, sono entrati tre connazionali, rispettivamente di 34, 29 e 26 anni. Dopo una breve chiacchierata i tre hanno aggredito il giovane, immobilizzandolo sul letto e incominciando a sfilargli i pantaloni mentre veniva preso a pugni sul volto e sui fianchi.

Le urla disperate hanno portato l'attenzione ad un vicino di stanza che è intervenuto, insieme ad altre persone, scongiurando l'aggressione sessuale. La vittima è stata portata all'ospedale, mentre i tre pakistani sono stati denunciati per tentata violenza sessuale di gruppo aggravata, lesioni personali aggravate in concorso e associazione a delinquere
Quando la Boldrini decanta "lo stile di vita" che presto sarà anche il nostro, noi preferiamo rimanere ancorati ai nostri usi e costumi e alle nostre tradizioni che sono ben lontane da queste porcherie.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina
Non sarà mai il nostro stile di vita

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU