la vittoria in pomerania riscrive gli scenari futuri

2016-2017: Bruxelles trema, è il momento dei populisti

Dalle presidenziali in Austria al voto in Croazia, Olanda, Francia e Germania, ovunque il partito euroscettico ed anti-immigrati miete consensi sempre più ampi. E alla Ue qualcuno dorme sonni agitati...

Alfredo Lissoni
2016-2017: Bruxelles trema, è il momento dei populisti

Il successo del partito populista anti-immigrati AfD alle elezioni locali nel land tedesco del Meclenburgo- Pomerania ha messo la strizza addosso ai burocrati di Bruxelles, che vedono la loro "Europa delle banche" sbriciolarsi passo dopo passo. E questo, dopo che il tema dei migranti ha già avuto un forte peso nel successo del referendum britannico sulla Brexit in giugno e l'estate è stata
segnata da una serie di attentati.

Ora gli occhi sono puntati su domenica 2 ottobre quando in Austria si ripeteranno le presidenziali e in Ungheria si voterà sul sistema europeo di ripartizione di quote di migranti. E nel 2017 si vota in Olanda, Francia e Germania. Senza dimenticare il peso che da oltre oceano potrà avere la sfida elettorale di novembre alle presidenziali americane fra il populista Donald Trump, in corsa per i repubblicani, e la democratica Hillary Clinton.

Se già domenica prossima vi saranno le elezioni parlamentari in Croazia, è soprattutto il voto del 2 ottobre in Austria che viene considerato un termometro importante degli umori europei. La sfida è
fra il Verde indipendente Alexander Van der Bellen e il populista Norbert Hofer. Il primo ha vinto il ballottaggio delle presidenziali il 22 maggio con uno scarto di soli 31.026 voti, ma la consultazione-truffa è stata poi annullata.


E il 2 ottobre ci sarà anche il referendum convocato dal primo ministro ungherese Viktor Orban con l'obiettivo di bocciare il sistema di ripartizione dei migranti voluto dalla Commissione Europea. Il governo di Budapest, che l'anno scorso è stato il primo ad erigere barriere contro i migranti alle sue frontiere, è fra gli esponenti del cosiddetto gruppo di Visegrad che riunisce anche Slovacchia, Repubblica Ceca e Polonia e si attesta su una posizione critica della politica di accoglienza a "porte spalancate" dei migranti sostenuta da Angela Merkel.


A fine novembre, il tema dell'integrazione dei musulmani sarà al centro delle primarie della destra. Prima del voto francese, vi sarà l'appuntamento delle elezioni generali del marzo 2017 in Olanda, paese in cui i populisti, euroscettici ed anti-immigrati, sono rappresentati dal partito Pvv di Geert Wilders. Infine il 2017 sarà anche l'anno delle elezioni tedesche, che si terranno a settembre. E che secondo molti si concluderanno con un bel "auf wiedersehen" (addio) per Frau Culona...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU