Sbarchi fantasmi, fenomeno inquietante

Gaetano Montalbano
Sbarchi fantasmi, fenomeno inquietante
Da anni, l'Italia è il punto di approdo di centinaia di migliaia di migranti che, gestiti da trafficanti di esseri umani senza scrupolo, giornalmente attraversano il Mediterraneo verso le nostre coste. Un fenomeno fuori controllo, gestito in modo approssimativo e che favorisce illegalità e sfruttamento. Tanti migranti, purtroppo, muoiono prima di arrivare da noi per le difficoltà del viaggio in Africa, per i maltrattamenti dei trafficanti e per i naufragi. A destare particolare inquietudine sono i cosiddetti sbarchi “fantasma”: migranti che raggiungono indisturbati l'Italia, eludendo i controlli, senza essere visti, fermati o identificati. In migliaia arrivano così. Nel solo 2017 sulle coste agrigentine l'associazione “Mareamico” ha censito 80 sbarchi, con circa 3 mila migranti. Un fenomeno che espone l'Italia e l'Europa all'ingresso e alla diffusione sul proprio territorio di potenziali criminali e terroristi, così come segnalato dai Servizi segreti italiani. Sbarchi “occulti” che trasportano droga, sigarette di contrabbando, ma anche jihadisti. E' inaccettabile che, in tempi di Isis, lo Stato italiano consenta tali ingressi misteriosi. Vanno boccati, immediatamente. Sbarchi fantasma sono avvenuti in Sicilia ad Agrigento, in località “Cannatello”, a Realmonte in località “Le Pergole”, a Licata, in località “Poggio di Guardia” e “Lido la Playa”, a Siculiana presso la riserva naturale di “Torre Salsa”, a Ribera in località “Seccagrande”, “Pietre Cadute” e presso la riserva naturale della “Foce del Fiume Platani”, a Sciacca in località “Arenella” ma anche in Sardegna, nelle coste del Sulcis. Di solito i migranti sbarcano nei pressi della costa senza essere avvistati e si disperdono nell’entroterra prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. Le barche vengono abbandonate in mare e rimangono lì per giorni o mesi fino a distruggersi per le mareggiate. In altri casi, invece, dopo lo sbarco lo scafista fa marcia indietro. In questi giorni “Mareamico” ha denunciato anche un ulteriore effetto “collaterale” di tale fenomeno: l'inquinamento di un lungo tratto di costa dovuto all'abbandono di una imbarcazione a “Cannatello” (Agrigento) il 4 marzo scorso. Dopo un mese, il mezzo si è squarciato ed ha liberato in mare il carburante, l'olio motore e tutto il resto. Con buona pace per l'ambiente. Gaetano Montalbano info: gaemontalbano@gmail.com

92016 Ribera AG, Italia

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Zucchero in piazza S.Marco a Venezia il 3 e 4 luglio
Due date del tour europeo 'The Best Live'

Zucchero in piazza S.Marco a Venezia il 3 e 4 luglio

Governo, M5s e Lega domani al Colle. Conte in pole per Palazzo Chigi
"Io e Di Maio disponibili a metterci la faccia"

Governo, M5s e Lega domani al Colle. Conte in pole per Palazzo Chigi

Zucchero in piazza S.Marco a Venezia il 3 e 4 luglio
Due date del tour europeo 'The Best Live'

Zucchero in piazza S.Marco a Venezia il 3 e 4 luglio

La Croazia blinda le frontiere: è boom di clandestini dalla Bosnia
l'altra rotta dell'invasione, quella meno conosciuta

La Croazia blinda le frontiere: è boom di clandestini dalla Bosnia

La Lega chiama gli elettori ai gazebo
programma comune carroccio-m5s, che ne pensate?

La Lega chiama gli elettori ai gazebo

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU