Si riaccendono le polemiche

Richiedente asilo arrestato in Germania per aver violentato due studentesse cinesi

Arrivato un anno fa dall'Iraq con moglie e figli approfittando della politica delle porte aperte propagandata dalla cancelliera, viveva in un campo profughi

Redazione
Richiedente asilo afghano arrestato per violenza su due studentesse cinesi in Germania

L'identikit dell'iracheno. Da Bild.de

La polizia di Bochum, città tedesca nella regione occidentale della Ruhr, ha comunicato martedì di avere arrestato un uomo di 31 anni, con l'accusa di aver usato violenza sessuale su due studentesse cinesi oltre che per tentato omicidio, aggressione e rapina. Gli inquirenti hanno reso noto che si tratta di un richiedente asilo iracheno che vive in un campo profughi, arrivato in Germania un anno fa con la moglie e i figli approfittando della politica dell'accoglienza e delle porte aperte propagandata dalla cancelliera Angela Merkel.

L'agenzia di stampa tedesca DPA ha riferito che l'uomo, del quale non è stato reso noto il nome, è sospettato di aver violentato e ferito gravemente con un oggetto contundente una ragazza cinese di 21 anni nel mese di agosto e di averne violentata un'altra, sempre cinese, di 27 anni nel mese di novembre trascinandola con la forza in un bosco. Il procuratore della cittadina, Andreas Bachmann, ha spiegato che la prova del DNA è stata determinante per poter attribuire entrambi i reati al richiedente asilo, che è stato arrestato nella giornata di lunedì.

L'arresto di Bochum, pochi giorni dopo quello di un profugo accusato di aver violentato ed ucciso una giovane studentessa a Friburgo, riaccendono in Germania le polemiche sull'immigrazione e sugli episodi di violenza legati commessi da rifugiati o clandestini. Il portavoce del governo Steffen Seibert si è affrettato a minimizzare, mettendo in guardia contro un presunto utilizzo di questi avvenimenti da parte dei movimenti di destra, additati ovviamente come xenofobi: "Stiamo parlando di un solo rifugiato, non bisogna generalizzare accusando tutti i rifugiati".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Gli immigrati appena sbarcati si pappano anche il bonus bebè
Avanti, in Italia ci sono soldi per tutti

Gli immigrati appena sbarcati si pappano anche il bonus bebè

Corea del Nord: "La guerra è inevitabile"
e fu così che sparì pyongyang

Corea del Nord: "La guerra è inevitabile"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU