Intervista all'economista No Euro

Claudio Borghi: "Andiamo oltre l'Euro. Gli euristi? Raccontano balle e fanno terrorismo mediatico"

"Addebitano l'aumento dello spread a Marine Le Pen, un film già visto. Chi non ha argomenti ricorre al terrore. Ma la demonizzazione non funziona più". "La svalutazione? Per i Paesi industriali è lo sconto sul listino prezzi dei propri prodotti"

Marco Dozio
Claudio Borghi: "Andiamo oltre l'Euro. Gli euristi? Raccontano balle e fanno terrorismo mediatico"

Foto da internet

Claudio Borghi, economista, responsabile economico della Lega e autore del manuale “Oltre l’euro”: appena Marine Le Pen ha paventato l’uscita dalla moneta unica, lo spread è ricominciato a risalire. Anzi, a leggere i giornali pare che la colpa dell’aumento sia proprio di quella “cattivona” della Le Pen.
Mi viene da ridere. Il film dello spread l’abbiamo già visto. Lo spread funziona non perché ci sono i mercati, ma dipende esclusivamente dalla Banca centrale. Eppure ogni volta ci riprovano. Ma io credo che ormai il terrorismo abbia fatto il suo tempo. Gli italiani hanno già visto che se per placare lo spread si fa quello che dicono lorsignori, arriva Monti. Dopodichè il Paese collassa.

Che significato hanno le dichiarazioni di Marine Le Pen in chiave europea?
Per la prima volta è evidente a tutti che esiste una possibilità di scelta, finora preclusa. Gli unici prima della Brexit che hanno avuto la possibilità di scegliere sono stati gli svedesi, che in un referendum optarono per non adottare l’euro. Da lì in poi c’è stato il nulla, qualunque segno si tracciasse sulla scheda risultava di fatto ininfluente, come è successo per i referendum in Francia o in Olanda, perché le politiche a livello europeo erano già decise. La Brexit ha aperto una nuova fase e ora l’Europa può ricominciare a scegliere. In Francia un partito credibilmente maggioritario può farcela e può fare qualcosa di veramente differente. La Le Pen propone una scelta, ed è la stessa che proponiamo noi della Lega.

Il libro “Oltre l’euro” è stato “adottato” dalla Le Pen?
Sì, il Front National l’ha tradotto in francese e ne ha fatto uno strumento di divulgazione. Del resto su questo punto i nostri intenti coincidono, io stesso ho collaborato con il FN per la stesura del programma relativo al superamento della moneta unica. Nel manuale, con concetti chiari e fruibili, spieghiamo che non c’è nulla da temere dall'uscita dall’euro. Anzi, spieghiamo perché è auspicabile e necessaria.

Dopo il convegno di Milano con Matteo Salvini, Alberto Bagnai e Marco Zanni, sono ripartiti gli attacchi un po’ scomposti da parte di commentatori ed “esperti” che considerano l’euro imprescindibile e salvifico.  
La cosa incoraggiante è che siamo entrati nella fase del terrore. Invece di negare il problema, come fatto finora, costoro utilizzano il terrorismo. Parlano di spread, disastri, cariole di soldi. Si intravedono azioni rabbiose. L’arma con cui più facilmente si riesce a silenziare un’opinione è ignorarla. Quando non la si può più ignorare, inizia la demonizzazione. Che oltretutto non funziona, come abbiamo visto con Brexit, Trump e il referendum del 4 dicembre. Spargere cumuli di cazzate terroristiche non porta i risultati sperati. Osservo queste reazioni con soddisfazione. Significa che siamo sulla strada giusta.

Per cambiare moneta c’è l’ipotesi dei minibot?
È il modo più semplice per mettere in circolo la futura moneta. Nell’eurozona non è possibile stampare moneta senza l’autorizzazione della Bce. Ma nulla viene detto circa un taglio minimo che può avere il debito pubblico. Si tratta di emettere debito pubblico in piccolo taglio, utilizzabile per pagare le tasse. Banalmente si mette in circolo, distribuendo a chi già attende invano soldi dallo Stato, dei minibot di piccolo taglio che abbiano l’aspetto di bancanote. Minibot da 5, 10, 20, 50 e 100 euro, senza interessi al portatore, naturalmente emessi direttamente dal Tesoro. Così facendo possiamo mettere in circolo un quantitativo analogo all’ammontare attuale di cartamoneta, perché alla fine, se consideriamo i crediti che lo Stato deve saldare e il valore delle banconote euro al momento in circolazione, i valori sono comparabili. Questi titoli saranno liberamente negoziabili e avranno un valore uguale all’euro. Si pensi per esempio ai gettoni telefonici, utili solo per telefonare, ma che valevano 200 lire. Non c’è la possibilità che questi minibot siano cartastraccia. Così in caso di uscita dall’euro non ci sarebbero problemi di chiusura degli sportelli o altro. Perché quella sarebbe la nostra nuova moneta di fatto già circolante.

Gli alfieri dell’euro instillano nell’opinione pubblica la paura di una moneta più “debole”. Eppure guardando al caso Brexit, anche se non parliamo di euro, vediamo che la svalutazione della sterlina ha favorito un miglioramento del quadro economico.
Come succede sempre. C’è qualcuno che tende a fare confusione portando esempi di Paesi sudamericani o africani che però non hanno alcun tipo di produzione interna, dunque non ricavano alcun vantaggio da una svalutazione della moneta, che anzi per loro è segno di crisi e povertà. Se parliamo invece di Paesi industriali, la svalutazione non è altro che lo sconto sul listino prezzi dei propri prodotti. È probabile che se un negozio può permettersi di fare degli sconti aumenterà i propri clienti.

Obiezioni comuni. Nel caso di uscita dall’euro che fine fanno i risparmi? E mutui contratti in euro esploderanno?
Il delirio di questa gente vuol farci credere che chi ha debiti aumenta i debiti, e chi ha crediti azzera i crediti. È un’assurdità. In questi discorsi non c’è alcun tipo di ragionevolezza, come spiego dettagliatamente nel libro. Il pericolo per il risparmio è l’euro. La moneta unica è contro il risparmio. Lo sanno bene, per esempio, coloro che si sono visti azzerare i risparmi di una vita con il bail in.


Il manuale "Oltre l'euro, per tornare grandi" è scaricabile gratuitamente qui

"Oltre l'euro", il convegno del 31 gennaio con Matteo Salvini, Claudio Borghi, Alberto Bagnai, Mario Giordano, Marcello Foa, Paolo Becchi si può vedere integralmente qui

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

I seguaci del demonio? Sono fra noi
nuovo ordine mondiale - 4

I seguaci del demonio? Sono fra noi

Gli immigrati sbarcano a Olbia. La protesta della Lega
è arrivato un bastimento carico di...

Gli immigrati sbarcano a Olbia. La protesta della Lega

Progetto covid: "Sterminate il mondo"
nuovo ordine mondiale - 3

Progetto covid: "Sterminate il mondo"

FLAT TAX, il libro della rivoluzione fiscale
Shock fiscale, ecco il manuale

Flat Tax, il libro della rivoluzione fiscale


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU