MONDO AL CONTRARIO

Dopo le sardine che protestano contro l'opposizione, Di Maio in piazza contro se stesso

Senza coerenza e vergogna. E se ti permetti di esprimere indignazione rischi di beccarti ...

Fabio Cantarella
Dopo le sardine che protestano contro l'opposizione, Di Maio in piazza contro se stesso

Ci vorrebbe un dicastero dedicato alla salute mentale, che possa prendersi cura dei protagonisti di certe iniziative ma anche dei loro, seppur ormai sparuti, seguaci. E così dopo che l'Italia ha da poco fatto registrare il primo caso unico al mondo dei movimenti, in primis le cosiddette sardine, in piazza contro l'opposizione (che non può certo risolvere i problemi degli italiani perché non è al governo), adesso Luigi Di Maio preannuncia l'andata in scena della maggioranza in piazza contro il governo, contro se stessa quindi! Ebbene, siamo al limite della follia.

Oramai, grazie al governo dei poltronisti M5S-PD-IV-LEU, personaggi senza identità, senza visione del futuro, senza valori che cementano le azioni, assistiamo ad un'Italia sottosopra, una società capovolta. Sembra di essere a teatro, trovi le sardine in piazza a dare del fascista a quel leader al quale però di fatto impediscono di poter esprimere le idee, le linee e i programmi del partito che guida e che rappresenta la maggioranza degli italiani. Alla faccia della Costituzione italiana e dei diritti fondamentali dell'essere umano! Così, se vai in un quartiere in mano agli immigrati clandestini, buona parte di essi intenti a spacciare, a promuovere la prostituzione o la contraffazione e ti permetti di documentarne l'illegalità diffusa con un video, ti becchi una bella denuncia per istigazione all'odio razziale. E se osi contrastare una nota sigla sindacale di sinistra che nei propri locali propone addirittura il baby pride con innocenti bambini, neppure ragazzi ma bambini, costretti ad assistere a scenette con travestiti e fiabe gender che la loro mente non comprende perché li ritiene lontani dalla grazia di Dio, ti ritrovi tacciato di omofobia. Quando ti va bene. E ringraziali pure se non ti denunciano e il pm di turno non ti tiene sotto inchiesta per un anno e mezzo prima di archiviare la querela. E presta attenzione che non ti capiti il gip che non condivide la richiesta di archiviazione e ti becchi una bella imputazione coatta. Ci si vede tra cinque anni per la sentenza di assoluzione.


E così, se da assessore all'Ambiente e alla Sicurezza urbana ti attivi per fare il tuo dovere su segnalazione di alcuni cittadini inferociti e fai giustamente liberare una pensilina dell'autobus occupata da migranti e barboni che urinano e defecano incuranti di chiunque passi da quelle parti, bambini inclusi. Liberi la pensilina e la restituisci ai passeggeri, tra cui anziani, studenti e disabili, ripristini le condizioni igienico sanitarie minime, ecco che ti becchi un bel corteo con tanto di richiesta di dimissioni formalizzata al sindaco. L'assessore è razzista e probabilmente anche fascista, c'è poco da fare.


All'assurdo siamo giunti, al punto che i giusti, coloro che dicono cose normali, naturali, pacifiche, adesso debbono pure temere di non poter esprimere le proprie opinioni senza beccarsi un fascista, omofobo o razzista che sia. Al contrario, guai a contraddire chi sostiene o mette in pratica le azioni più innaturali, meno virtuose, meno edificanti possibili. E non per qualcuno, ma per la stragrande maggioranza degli italiani. Costoro possono dire e fare quel che vogliono e, mi raccomando, guai a chi li contraddice! Una querela, un corteo, un pugno di insulti magari con qualche augurio di morte, non si risparmiano a nessuno. Ma loro sono pacifisti e lo fanno per affermare l'amore nel mondo...


Benvenuti nel mondo al contrario! E sarebbe molto peggio se da tempo non ci fossero la Lega e Matteo Salvini a dire "no, noi non ci stiamo!". In modo silente, i registi del pensiero unico, dell'essere tutti uguali, i progettisti dell'uomo-mummia stanno tentando di far passare per normale ciò che di normale non ha proprio nulla. Per loro l'eccezione dovrebbe prendere il posto della regola, ma questo significherebbe un mondo senza valori, senza regole, senza identità, senza diversità, senza sicurezza, senza meritocrazia, senza sogni. In una parola, un mondo senza futuro!  

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Coronoavirus, la psita dell'esperimento militare
come nel telefilm "I sopravvissuti"

Coronavirus, la pista dell'esperimento militare

Quanto si muore di Aids in Italia
Hiv e Aids, gli ultimi dati dell'Istituto superiore di sanità

Quanto si muore di Aids in Italia

Codogno, camion di traverso e la gente non entra in paese
psicosi coronavirus e leggende urbane

Codogno, camion di traverso e la gente non entra in paese

Se a Milano le Sardine stanno con Sala...
alla fine gettano la maschera

Se a Milano le Sardine stanno con Sala...


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU