l'altra campana

L'Europa invecchia troppo velocemente

Accogliere migranti, siano essi profughi o meno, significa per il Vecchio Continente farsi un’assicurazione sui problemi economici futuri

Urbano Secondo
LìEuropa invecchia troppo velocemente

L’Europa è un paese che sta invecchiando velocemente. Il numero di anziani, pensionati che hanno bisogno di assistenza e recepiscono una pensione sta crescendo velocemente rispetto al numero dei giovani che entrano nel mondo del lavoro e pagano per il loro mantenimento. L’immigrazione è fatta di persone giovani, pronte a lavorare, a portare nel Paese di destinazione molto più valore aggiunto dal punto di vista economico di quanto non ricevano in termini di assistenza. Accogliere migranti, siano essi profughi o meno, significa per la vecchia Europa farsi un’assicurazione sui problemi economici futuri.


Secondo un rapporto della Commissione Europea sull’invecchiamento “l'indice di dipendenza degli anziani (persone di 65 anni o superiori rispetto a quelli di età compresa tra 15-64 anni) è previsto in aumento dal quasi 28% oggi a più del 50% nella Ue nel 2060. l'Unione europea passerà da avere quattro persone in età lavorativa per ogni persona di età superiore ai 65 anni a circa due persone in età lavorativa per ogni anziano, se non meno. L'invecchiamento della popolazione costituisce una sfida per le finanze pubbliche dell'Ue. L'impatto fiscale dell'invecchiamento è previsto essere alto nella maggior parte degli Stati membri, soprattutto per la Germania,  con effetti che diventeranno sempre più evidenti già nel corso del prossimo decennio. La variazione della spesa pubblica legata all'età (pensioni, assistenza sanitaria, assistenza a lungo termine ed educazione) è prevista – secondo il rapporto - in aumento di quasi 2 punti percentuali del PIL tra il 2013 e il 2060.

Secondo i dati europei, la percentuale di italiani che lavora è pari al 67% della popolazione, mentre tra i migranti la percentuale è del 72%. I dati di tutti gli altri Paesi europei, Germania in testa, dimostrano invece che i migranti sono ben lungi dall'avere percentuali di occupazione come quelle dell'Italia. In Germania sono trenta punti al di sotto della percentuale di occupazione  dei tedeschi. Allora tanto di cappello alla Germania? Che impiega risorse qualificate e coinvolge le migliori società di consulenza per sviluppare piani strategici, mentre l'Italia si affida sempre ai soliti intrallazzoni o alle vecchie cariatidi stra-rinvigorite dal "finto rottamatore".

In Italia si impiegano i migranti principalmente  nel settore agricolo, dove l’Italia mostra il peggio di sé con la pratica del caporalato o nell’assistenza agli anziani dove prevale la presenza di donne straniere. L'Italia che non promette più un futuro ai giovani, che snobba le professionalità di eccellenza ma che è sempre pronta a fare della finta accoglienza il suo vessillo. Italia dove, al contrario della egoista Germania, si finge altruista e fa prosperare le mafie, i faccendieri. E viene derisa dalla Comunità Internazionale.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia
Gemelli: una coppia totalmente unica
psicologia dell'individuo

Gemelli: una coppia totalmente unica


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU