VIMINALE: "NAVE ALEX MA VUOLE SCONTRO"

Carola ha fatto scuola: ora tutte le Ong forzano il blocco

L'Italia è pronta a dare cibo e acqua, ma la nave rifiuta l'approdo a Malta (che si dice disponibile ad accogliere i migranti), perché, dicono dal Viminale, "vuole lo scontro per andare a Lampedusa"

Redazione
Carola ha fatto scuola: ora tutte le Ong forzano il blocco

Carola Rackete, che ha speronato una vedetta della Guardia di Finanza ed è stata subito assolta dai giudici, ha fatto scuola. "Carola ha adempiuto ad un obbligo di legge: non poteva essere arrestata
La comandante della Sea Watch non ha disubbidito alle leggi ma, al contrario, ha adempiuto ad un obbligo derivante dalle leggi stesse", dicono le toghe. E a differenza di una sua omologa italiana, la cuneese Francesca Peirotti che aiutava i clandestini a passare illegalmente in Francia, rompendo le balle a compagno Macron e per questo finendo in manette, Carola l'ha fatta franca, ha incassato fior di endorsement dai buonisti italiani, che l'hanno trasformata in un'eroina. Ma soprattutto ha fatto passare un messaggio sbagliatissimo: che la legge di può violare.

E si apprende adesso, da fonti del Viminale, che un'altra nave Ong, la Alex, alla quale l'Italia è pronta a dare cibo e acqua, rifiuta l'approdo a Malta (che si dice disponibile ad accogliere i migranti), perchè, dicono dal Viminale, "vuole lo scontro per andare a Lampedusa". Ove troverà compagni accoglienti e magari giudici comprensivi.

Quanto alla Peirotti, meno fortunata, era stata arrestata dalla polizia francese, a Mentone, per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina per aver trasportato su un furgone un gruppo di migranti, tra cui un neonato, provenienti dal Ciad e dall'Eritrea, respinti a Ventimiglia. Il tribunale di Aix-en-Provence l'ha condannata a 8 mesi di carcere e 5 anni di interdizione dalla regione delle Alpi Marittime. Oggi è libera, per la sospensione della pena in attesa che il processo arrivi in Cassazione. E dice: "Non paragonatemi a Carola, son due vicende diverse". Nel finale, sicuramente sì.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Salvini impiccato, protesta la Lega
la discutibile vignetta di staino

Salvini impiccato, protesta la Lega

Bivacco-Milano, protesta la Lega
la metropoli "da bere" trasformata in dormitorio a cielo apero

Bivacco-Milano, protesta la Lega


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU