Intervista esclusiva

Salvini incontra il ministro degli Esteri russo: "Presentato il nostro progetto di governo per l'Italia e per l'Europa"

Il leader leghista ha incontrato a Mosca questo pomeriggio Sergej Lavrov, fedelissimo di Putin. Tra i temi del colloquio, crisi libica, Siria, terrorismo islamico, sanzioni alla Russia, le imminenti elezioni in Francia e Olanda. Un incontro non precedentemente annunciato alla stampa, che Salvini racconta al Populista

Alessandro Morelli
Salvini incontra il ministro degli Esteri russo: "Presentato il nostro progetto di governo per l'Italia e per l'Europa"

Matteo Salvini con il ministro degli Esteri della Federazione russa, Sergej Lavrov

Storica visita questo pomeriggio per Matteo Salvini, che ha incontrato a Mosca il Ministro degli Esteri della Federazione Russa, Sergej Lavrov. Una visita non precedentemente annunciata alla stampa, di cui vi rendiamo conto sul Populista con questa intervista. Un confronto cordiale ma anche molto concreto, nel quale Salvini e Lavrov hanno espresso reciproca conferma dell'amicizia tra il popolo italiano e il popolo russo, e fissato il comune obiettivo di giungere al più presto all'eliminazione definitiva delle sanzioni economiche imposte dall'Europa, contro le quali la Lega combatte da tempo.

Lavrov è considerato uno dei consiglieri più vicini al presidente Putin ed è a capo della diplomazia russa dal marzo del 2004. L'incontro è tanto più rilevante se si considera che è assai inconsueto per un ministro degli Esteri russo incontrare un leader politico privo - al momento - di incarichi di governo (Lavrov, ad esempio, non ha ancora avuto un faccia a faccia con il suo omologo italiano, Angelino Alfano). Si tratta dunque di un importante segno di stima e di amicizia.
Matteo Salvini ci racconta i dettagli al termine del colloquio, direttamente dall'imponente sede del ministero degli Esteri di piazza Smolenskaya.

Che impressione ha avuto, Salvini?
"Trentacinque minuti di colloquio con il ministro Lavrov mi confermano che il Cremlino ha un'idea molto chiara e molto positiva del futuro. Ci siamo confrontati sui principali temi di politica internazionale, sulle minacce alla sicurezza dei nostri Paesi, sulle prospettive dell'Europa. È stata un'occasione fondamentale anche per confermare e rafforzare l'amicizia tra Italia e Russia. Abbiamo ricordato insieme anche il lungo e cordiale incontro che ho avuto il piacere di avere a Milano, nel 2014, con il presidente Putin".

Quali sono le principali emergenze in tema di politica estera?
"Desta grande preoccupazione la situazione interna della Libia, attualmente fuori controllo, con tutti i conseguenti problemi di immigrazione senza freni verso l'Europa e, in particolare, verso le coste italiane. Prendo atto del fatto che anche in questo caso è la Russia a incontrare tutte le parti in causa, e a supplire all'incredibile assenza dell'Unione Europea e di tutte le altre organizzazioni internazionali. A nome di tanti, ho inoltre ringraziato il Ministro dell'intervento russo in Siria contro l'Isis".

Nonostante l'impegno di Mosca contro il terrorismo islamico, che contribuisce in modo importante alla sicurezza del continente, l'Unione Europea ancora non si decide a togliere le sanzioni economiche...
"È una situazione assurda e paradossale, che sta causando gravissimi danni a imprese e lavoratori. Solo all'Italia le sanzioni sono costate un'enormità, oltre 5 miliardi di euro e migliaia di posti di lavoro perduti. Abbiamo condiviso la necessità di arrivare al più presto ad una definitiva eliminazione delle sanzioni, confermando l'impegno mio e della Lega che, del resto, è fin dall'inizio in prima fila in Europa su questo fronte, come lo stesso Ministro ci ha riconosciuto".

Avete parlato anche delle prospettive politiche in Italia?
"Sì, certo, ho illustrato a Lavrov le idee e le proposte della Lega per il governo dell'Italia e per cambiare l'Europa. In particolare, il Ministro condivide l'analisi sull'eccessiva centralizzazione di poteri a Bruxelles".

E sulle imminenti elezioni in Olanda e in Francia?
"Ovviamente il Ministro è sopra le parti, e a differenza di altri rispetta le scelte interne dei cittadini dei vari Paesi. Io gli ho espresso il mio sconcerto per gli interventi a gamba tesa della magistratura nella competizione elettorale francese e per l'incredibile campagna di propaganda anti-russa a cui stiamo assistendo, a forza di processi ad orologeria e fake news sull'intervento di improbabili hacker russi ovunque si voti in giro per il mondo, dalla Brexit a Trump. Su questo abbiamo sorriso insieme. Ci tengo a sottolineare un aspetto che mi ha fatto molto piacere e che mi inorgoglisce".

Prego.
"Il ministro Lavrov ha voluto ringraziarmi per la vicinanza e anche per il coraggio che fin da subito la Lega ha dimostrato riguardo la crisi in Crimea. Fummo infatti i primi, nell'ottobre del 2014, a visitare ufficialmente la regione dopo il referendum con il quale i cittadini scelsero di tornare a casa, nella patria russa. Priorità di politica estera del nostro governo sarà non solo quella di tornare a eccellenti rapporti ufficiali tra i nostri due Paesi, ma anche quella di collaborare ad un dialogo tra la stessa Russia e gli Stati Uniti nell'interesse della pace e della sicurezza nel mondo.

Da Mosca, dunque, parte un tour di Matteo Salvini per presentare le idee della "Lega di governo" presso cancellerie e sedi internazionali. Una giornata importantissima nella quale il leader leghista, in mattinata, ha anche firmato un accordo ufficiale di collaborazione tra Lega e "Russia Unita", il partito di Vladimir Putin, rappresentato dal responsabile esteri, Sergey Zheleznyak. 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il feretro della "belva" Totò Riina è stato sotterrato, nel cimitero di Corleone
il boss dei boss sotto terra

Il feretro di Riina sotterrato a Corleone

Rita Kats: "poster Isis sollecita attacco a Vaticano a Natale"
"bergoglio, vendicheremo ogni goccia di sangue"

Ritorna la minaccia Isis: "Colpite il Vaticano"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU