"Risorse" violente

Firenze devastata dai senegalesi, in corteo per la morte di un connazionale

Secondo gli immigrati, l'uomo che ha sparato a caso centrando un africano è il solito "fascista", che ce l'ha con loro. Manifestazioni con danneggiamenti

Redazione
Firenze devastata dai senegalesi, che protestano per la morte di un connazionale

Protesta dei senegalesi. Foto ANSA

Il centro di Firenze è devastato da giorni dalle violenze di centinaia di immigrati senegalesi, che stanno inscenando cortei per protestare contro l'uccisione del loro connazionale Idy Diene, 54 anni, da parte di un 65enne che prima ha cercato di uccidersi e poi ha sparato a caso, centrando l'africano. Lunedì i manifestanti, dopo un presidio sul ponte Vespucci dove è avvenuto l'omicidio, hanno improvvisato un corteo per chiedere chiarezza su quanto accaduto: "Ci devono spiegare perché ha sparato. Non ci devono dire che è un pazzo. Siamo arrabbiati e non ci piace che questa cosa sia avvenuta in questo momento politico dell'Italia", ha detto lo storico portavoce della comunità senegalese.

Secondo i manifestanti, che hanno sfogato la loro immotivata rabbia danneggiando in particolare l'arredo urbano, a sparare sarebbe stato un "fascista" che ce l'aveva con gli immigrati, anche se la realtà è ben diversa. Un corteo, partito in direzione della Questura, è poi stato dirottato verso Piazza Signoria dove ad attenderli c'era l'assessore al welfare accompagnato dall'imam della città. Quindi è ripartito verso Piazza della Stazione dove è stato bloccato il traffico. Tirate giù alcune recinzioni di uno dei cantieri della tramvia e altri danneggiamenti durante il tragitto per il centro storico, con vasi rotti, cestini rovesciati così come alcuni motorini. Manifestazioni annunciate per i prossimi giorni.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La libertà è finita, arriva il reato di opinione
Il Parlamento discute la legge sulla c.d. omofobia

La libertà è finita, arriva il reato di opinione

Centrodestra in piazza, la Digos "visiona i video"
meloni: "il regime pensa di intimorirci"

Centrodestra in piazza, la Digos "visiona i video"

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Lei non è la moglie...
fa i pistolotti moraleggianti agli altri e poi...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Perché lei non è la moglie...

Alé, venite tutti: avanti, c'è posto!
parte la regolarizzazione degli immigrati

Alé, venite tutti: avanti, c'è posto!

Catania, rapina shock: senegalese rompe bottiglia e ferisce lui per rubare bici a lei
Incendio nel quartiere "etnico" di Zingonia
a fuoco struttura abbandonata ribattezzata lo scheletro

Incendio nel quartiere "etnico" di Zingonia


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU