nella ex Stalingrado italiana

Dopo lo stop alla moschea, il sindaco di Sesto si scaglia contro l'integralismo islamico

Il neo sindaco di centrodestra: "Non tolleriamo un convegno sulla sharia sul nostro territorio"

Redazione
Dopo lo stop alla moschea, il sindaco di Sesto si scaglia contro l'integralismo islamico

In campagna elettorale aveva promesso lo stop alla moschea e una battaglia politica contro l'estremismo islamico. E ha mantenuto la parola. Roberto Di Stefano, neo sindaco di Sesto San Giovanni torna a farsi sentire contro l'integralismo di matrice islamica. "Leggo con sconcerto e preoccupazione che la moschea provvisoria di Sesto San Giovanni organizza per domenica 12 novembre una conferenza evento, trasmessa anche online, sugli obiettivi della sharia a cura di Hamza Piccardo. Ritengo grave che a Sesto si tengano eventi con questo tema e con questo relatore". Ha detto l'esponente di Forza Italia.

"Non è tollerabile - prosegue - che si discuta di sharia, soprattutto in questo momento storico con gravi attentati terroristici in tutto il mondo. Allo stesso tempo chiedo come sia possibile ritenere il centro islamico moderato nel momento in cui si portano avanti queste iniziative. Per chi non lo sapesse Hamza Piccardo è l'ex capo dell'Ucoii, noto alle cronache per alcune idee piuttosto discutibili e integraliste: recentemente si è esposto pubblicamente dicendo che 'la poligamia è un diritto civile'".

!Piccardo guida anche Costituente Islamica, a cui aderisce anche l'imam della moschea di Sesto, che in molte dichiarazioni dei suoi membri fondatori, propone più musulmani nelle istituzioni, la legalizzazione della poligamia, l'8permille alla comunità islamica, le feste islamiche nel calendario e il menù halal nelle scuole. Di fronte a queste nuove prese di posizione del centro islamico rivendico la scelta della mia amministrazione di dire no alla grande moschea per molti motivi tecnici e anche per questioni politiche e mi meraviglio che il Pd abbia difeso, in più occasioni, una realtà che ha Hamza Piccardo come riferimento culturale e la Costituente Islamica come ambito politico. In questo momento storico non è possibile tacere di fronte a situazioni ed eventi in cui si cerca di spiegare la bontà della sharia o si portano avanti idee integraliste".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il feretro della "belva" Totò Riina è stato sotterrato, nel cimitero di Corleone
il boss dei boss sotto terra

Il feretro di Riina sotterrato a Corleone


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU