E la chiamano "religione di pace"

Imam-shock contro le donne: "Mettano il velo se non vogliono essere stuprate"

La guida islamica Sheik Zainadine Johnson ritiene il hijab "necessario per le donne", poiché gli uomini non sono in grado di trattenere i propri istinti. Ammonimenti anche per l'utilizzo di braccialetti in pubblico: "non è permesso".

Giacomo Zobbio
Imam-shock contro le donne: "Mettano il velo se non vogliono essere stuprate"

Sheik Zainadine Johnson, il suo post su Facebook e donne con velo

"Se una donna non indossa il velo e viene stuprata, la colpa è sua". Questa è la sintesi di ciò che l'imam australiano Sheik Zainadine Johnson pensa riguardo le violenze sessuali dove le vittime sono donne. Dichiarazioni shockanti e ben oltre il limite del grottesco, ma scandite a chiare lettere dallo stesso imam sul suo profilo Facebook.

Zainadine Johnson sta commentando il caso Weinstein e gli scandali sessuali che hanno travolto il mondo di Hollywood con un post pubblico. È qui che l'imam incolpa le donne, vittime di stupro, di essere in realtà le vere colpevoli del fatto, poiché dovrebbero indossare il velo ma non lo fanno.

"I fatti dimostrano che gli uomini non sono capaci di controllarsi. Per questo è fondamentale che le donne indossino il velo." Dichiarazioni shockanti, per l'appunto. Soprattutto se ci si riferisce a Zainadine Johnson come un esponente autorevole del cosiddetto "islam moderato" nel mondo.

Il DailyMail, di fatto, parla di Johnson come leader islamico del Queensland e fondatore della moschea di Logan City. Lui stesso invece si descrive su Facebook come speaker islamico d'Australia, disponibile per letture pubbliche in tutto il mondo.

Attraverso una diretta sul suo profilo Facebook, Zainadine Johnson avverte le donne che anche l'utilizzo dei braccialetti in pubblico è discutibile. A suo dire, infatti, "possono essere indossati in casa o sotto il velo, ma non devono essere permessi in pubblico".

Siamo proprio sicuri che si possa definire "moderato" un islam che accusa le donne di essere colpevoli degli stupri subiti?

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il feretro della "belva" Totò Riina è stato sotterrato, nel cimitero di Corleone
il boss dei boss sotto terra

Il feretro di Riina sotterrato a Corleone


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU