Invasione programmata

Altri 1.300 clandestini sono arrivati in Sardegna, tra Cagliari e il Sulcis

Il prefetto ha ipotizzato una tendopoli provvisoria o un capannone in cui ospitarli. Si tratta del numero più alto di immigrati giunti nell'isola

Redazione
Altri 1.300 clandestini sono arrivati in Sardegna, tra Cagliari e il Sulcis

Calndestini sbarcati a Cagliari. Foto ANSA

Approdata a Cagliari nella mattinata di giovedì 6 ottobre la nave battente bandiera spagnola Rio Segura con a bordo 1.258 clandestini recuperati nel corso delle operazioni, coordinate nei giorni scorsi dalla Guardia costiera nazionale, al largo delle coste libiche. La nave è approdata per la prima volta al molo Ichnusa, in pieno centro a Cagliari. La Prefettura ha lavorato tutta la notte - un incontro convocato nella serata di mercoledì si è protratto per diverse ore - per organizzare la macchina dell'accoglienza visti i tempi ristretti con cui è giunta la segnalazione dell'arrivo di un numero così elevato di immigrati, il più alto in Sardegna.

Problema principale l'accoglienza: è stato necessario lavorare a lungo per individuare i vari centri in cui ospitare così tante persone. Il prefetto Giuliana Perrotta ai microfoni del Tgr Rai regionale ha ipotizzato una tendopoli provvisoria o un capannone in cui ospitare gli stranieri. Anche questa mattina si sta lavorando per l'individuazione dei centri, intanto sono state stabilite le quote che andranno nelle varie province: 575 rimarranno a Cagliari, 380 a Sassari, 163 saranno trasferiti a Nuoro e 140 a Oristano. Secondo i dati forniti la settimana scorsa dalla Regione, dal 20 giugno 2014, data di avvio del Piano nazionale di distribuzione dei clandestini, in Sardegna ne sono arrivati 14.803, 13.687 trasferiti da altre Regioni e 1.116 arrivati direttamente, pari al 3,24% dei 457.032 sbarcati in Italia: sforata quindi la quota stabilita per l'Isola, il 2,96%.

Durante la notte tra mercoledì e giovedì, nuovo sbarco sulle coste del Sulcis, nella Sardegna sud occidentale: all'interno del poligono militare di Capo Teulada sono arrivati 11 algerini, 10 uomini e una ragazzina di 15 anni. I clandestini una volta sulla terra ferma hanno chiesto aiuto e attraverso le coordinate Gps, da loro stessi fornite, sono stati individuati. Sul posto è arrivata la Capitaneria di porto che ha rintracciato i nordafricani nella zona delle sabbie bianche. Successivamente sono intervenuti i carabinieri del Primo Reggimento Corazzato che hanno trasferito gli algerini all'interno della base in attesa di essere portati nel centro di accoglienza di Assemini.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU