Associazione per delinquere, corruzione e turbativa d'asta

Taranto, altri nove arrestati per tangenti sugli appalti della Marina Militare

Mazzetta di quasi 200mila euro su un totale di 11 milioni e 300mila euro per il servizio di pulizie e sanificazione nelle basi di Taranto e Napoli

Redazione
Taranto, altri nove arrestati per tangenti sugli appalti della Marina Militare

La caserma della Guardia di Finanza di Taranto. Foto ANSA

Altre nove ordinanze di custodia cautelare, otto in carcere e una ai domiciliari, sono state eseguite giovedì 6 ottobre dai finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti assegnati a Taranto dalla Marina Militare. Nuovo provvedimento restrittivo per il capitano di vascello Giovanni Di Guardo, direttore di Maricommi, già arrestato il 14 settembre scorso con l'imprenditore Vincenzo Pastore, amministratore della cooperativa Teoma, per concorso in corruzione aggravata. Coinvolti anche altri imprenditori e un dipendente civile del Ministero della Difesa. Le contestazioni sono di associazione per delinquere, corruzione e turbativa d'asta.

L'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Taranto Valeria Ingenito su richiesta del pm inquirente Maurizio Carbone, è stata notificata in carcere, oltre che a Di Guardo, anche all'imprenditore Vitantonio Bruno, arrestato il 22 settembre scorso nell'ambito di un'altra inchiesta per bancarotta fraudolenta, false fatturazioni, dichiarazioni irregolari e truffa in danni di enti pubblici, tra cui la Marina Militare. I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria, diretti dal tenente colonnello Renato Turco, hanno arrestato la fidanzata di Di Guardo, la rumena Elene Corina Boicea; gli imprenditori Giovanni Perrone e Valeriano Agliata, quest'ultimo già consigliere comunale di Taranto; Marcello Martire, tarantino, dipendente civile del Ministero della Difesa; gli imprenditori Pietro Mirimao di Narni (Terni); Paolo Bisceglia, di Milano e residente a Messina.

Ai domiciliari un carabiniere in servizio a Taranto, Paolo Cesari, nativo di Ferrara (a cui non viene contestato il reato associativo ma l'aver passato informazioni agli indagati). A quest'ultimo la misura cautelare è stata notificata dagli stessi carabinieri del comando provinciale. Di Guardo fu fermato dai finanzieri dopo aver ricevuto dall'imprenditore Pastore una tangente di 2.500 euro quale secondo acconto, secondo l'accusa, di una maxitangente di quasi 200mila euro per l'aggiudicazione di un appalto - non ancora assegnato - di 11 milioni e 300mila euro per il servizio di pulizie e sanificazione nelle basi di Taranto e Napoli. In carcere quattro giorni dopo finì anche la tenente di vascello Francesca Mola, di 31 anni, collaboratrice di Di Guardo, a capo dell'Ufficio Contratti, che avrebbe mostrato a Pastore il progetto della società concorrente, la quale dovrà rispondere di concorso in corruzione e turbativa d'asta.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ai nostri figli danno il cibo africano
L'iniziativa è del Comune di Azzate

Ai nostri figli danno il cibo africano


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU