Grane pentastellate

Le bugie a 5 stelle della Raggi: sulla Muraro ha mentito a stampa e cittadini

Dal 19 luglio la sindaca grillina era a conoscenza dell'indagine sull'assessora ma ha dichiarato più volte il falso, alla faccia di "trasparenza e onestà"...

Redazione
Le bugie a 5 stelle della Raggi: sulla Muraro ha mentito alla stampa e ai cittadini

Virginia Raggi con Paola Muraro in Campidoglio. Foto ANSA

Non si placano le polemiche intorno all'ennesima tegola caduta sulla testa di Virginia Raggi, la sindaca grillina di Roma che 80 giorni fa aveva trionfato facendo dello slogan "trasparenza e onestà" il punto forte della propria campagna elettorale. Voleva distinguersi dalla vecchia politica, voleva dare una svolta all'amministrazione della Capitale, ma si è ritrovata a dover rispondere di una palese incapacità nel gestire i problemi, dell'assoluta incompetenza politica e ora anche delle bugie sull'indagine che ha travolto la sua assessora all'ambiente.

Messa alle strette dalla Commissione ecomafie, ha dovuto ammettere che la Muraro le aveva raccontato di essere stata iscritta nel registro degli indagati già lo scorso 19 luglio: il giorno precedente l'assessora ne era venuta a conoscenza direttamente dalla procura di Roma, che le contesta l'abuso d'ufficio. Certo, ora all'attacco della Raggi va anche il Pd cercando di far dimenticare i disastri combinati negli anni precedenti, ma è innegabile che da chi si propone come paladino dell'onestà non ci si aspetterebbero menzogne su un fatto così importante.

I vertici del Movimento 5 Stelle e stessa la sindaca Virginia Raggi si sono spesi a difesa della Muraro nonostante sapessero che era indagata, mentre il sindaco di Parma Pizzarotti rischia ancora l'espulsione dal Movimento per non aver comunicato di aver ricevuto un avviso di garanzia. Il 29 luglio, quando era consapevole già da 10 giorni dell'apertura del fascicolo sulla sua collaboratrice di punta, La Raggi aveva detto: "Paola Muraro indagata? Non vorrei rispondere su supposizioni. Quando ci sarà qualcosa da dichiarare lo dichiareremo".

In realtà non si trattava di una "supposizione": la sindaca era tra le pochissime persone a conoscere l'esistenza dell'indagine, ma ha preferito negarlo e ora replica mentendo ancora: "È vero, ma nessuno me lo ha chiesto". Altro che "giornata del riscatto": il 5 settembre Raggi e Muraro hanno dovuto confessare alla Commissione le proprie bugie. Mentire è sempre grave, ma lo è in particolare per chi è stato eletto predicando trasparenza ed onestà. Il sospeso Pizzarotti commenta su Twitter: "Seduti in riva al fiume passa un sacco di gente. #noleggiosalvagenti".


Il tweet del sindaco di Parma

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU