La rivolta dei baby boss a Benevento

Nel carcere minorile i detenuti si ribellano contro gli agenti

La protesta sembrerebbe derivare dal mancato rifornimento di sigarette, ma potrebbe trattarsi anche di una guerra tra i vari clan presenti tra i carcerati

Ismaele Rognoni
Nel carcere minorile i detenuti si ribellano contro gli agenti

Foto ANSA

Danni per trentamila euro al penitenziario di Airola. Il tutto sembrerebbe essere partito dal mancato rifornimento delle sigarette che avrebbero dovuto essere portate ai detenuti oppure potrebbe essere una protesta formale per lasciar sì che i clan presenti all'interno del carcere minorile beneventano, nello specifico i boss di Secondigliano e quelli di Ponticelli, potessero regolare i conti fra di loro. Pur essendo ancora oscuro il vero movente della rivolta, 37 detenuti hanno tenuto per diverse ore in scacco tutto il penitenziario presidiato da 46 unità di polizia, di cui solamente 29 sono realmente operative, minacciandoli con le gambe dei tavoli di legno e manici di scopa, ferendo persino tre agenti della polizia penitenziaria e distruggendo alcune celle oltre alla sezione detentiva minorile.

Il segretario generale del Sappe (sindacato autonomo polizia penitenziaria) ha reagito con parole dure a questa rivolta: "I soggetti facinorosi dovrebbero essere trasferiti, ma questo non accade. Questa è l'ennesima dimostrazione che il carcere è una università del crimine". Anche Matteo Salvini, Leader della Lega Nord - Noi con Salvini, ha espresso le sue intenzioni qualora andasse al governo: "Solidarietà agli agenti, dimenticati dal governo, e il rinnovo di una proposta della Lega: lavoro obbligatorio per tutti i detenuti condannati, come già accade in Austria, per ripagare la società degli oltre 200€ che ogni carcerato ci costa al giorno".

A giugno questi ragazzi avevano incontrato Papa Francesco, consegnandoli un crocifisso fatto di pane. Evidentemente l'incontro con il Sommo Pontefice non ha portato agli effetti sperati. Tali detenuti devono essere costretti ai lavori forzati e la polizia penitenziaria deve poter svolgere il suo ruolo di polizia penitenziaria, non come accade ora visto che si trova sotto organico, mal attrezzata e mal pagata da questo governo. Allora sì che i baby boss imparerebbero ordine e disciplina.


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Compagni, la festa è finita...
cala il sipario sul bomba

Compagni, la festa è finita...


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU