L'ultima di Saviano: "legalizzare la cocaina"

140 tonnellate di cocaina sequestrate in Europa nel 2018, ma...

Proprio nel momento in cui raddoppiano i sequestri di cocaina, come documenta l’ultima Relazione europea sulla droga dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze, il genio Saviano invoca la legalizzazione della cocaina... Prima sponda alla "legalizzazione delle droghe leggere" invocata dalla Cirinnà come agenda per il governo giallorosso

Giuseppe Brienza
140 tonnellate di cocaina sequestrate in Europa nel 2018, ma...

Un passaggio del video di Saviano in difesa di Radio Radicale e dei suoi meriti ("divorzio, aborto, fine vita" - cioè eutanasia -)

I dati della Relazione europea sulla droga 2018, a cura dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (EMCDDA), documentano una maggiore incisività della repressione e il genio Roberto Saviano, presentando a Venezia 76 "Zerozerozero", la serie tv kolossal con la regia di Stefano Sollima, tratta dal suo romanzo-inchiesta uscito nel 2013, ne invoca la legalizzazione... Lo scorso anno sono raddoppiati in Europa i sequestri di cocaina (140 tonnellate, circa il doppio del quantitativo tolto dalla circolazione nel 2017) ma, com'è ovvio, la situazione del consumo rimane drammatica, con quasi quattro milioni di persone che, nel vecchio continente, hanno fatto uso di cocaina nel 2018.

E non importa che l'1,7% della popolazione tra i 15 ed i 34 anni ha consumato cocaina in Europa nel 2018, impattando quindi sulla fascia più debole e mettendo così a repentaglio le "leve" stesse del rinnovamento generazionale, per l'autore di Gomorra, è importante dire che la cocaina regna "Perchè la vita è una merda, ti fa sentire sempre troppo brutto, troppo povero, troppo grasso". Soluzione quindi secondo lui? La cocaina "andrebbe legalizzata, solo così si bloccherebbero i pozzi di petrolio delle organizzazioni criminali. La legalizzazione trasformerebbe l'economia mondiale: il narcotraffico di cocaina attraversa il mondo legale, gli da' forza, liquidità, rendere la sostanza legale cambierebbe le cose".

Arriva quindi subito la prima "sponda" all'obiettivo della "legalizzazione delle droghe leggere" invocato pochi giorni fa dalla senatrice Pd simbolo delle battaglie Lgbt, Monica Cirinnà. “Ci sono alcuni temi sui quali si può senza dubbio ipotizzare un lavoro comune in Parlamento coi 5 Stelle – postava la Cirinnà alla vigilia della formazione del governo Conte bis -. Penso ad una legge contro l’omotransfobia: in Senato ci sono due ddl, uno a firma della collega Maiorino e uno a mia firma, che sono largamente sovrapponibili. Ma penso anche al fine vita, alla legalizzazione delle droghe leggere, al matrimonio egualitario, alla omogenitorialità e alla riforma delle adozioni per tutte e tutti. Adesso abbiamo di fronte una pagina bianca e un nuovo percorso da avviare”. Del resto per lei e anche per Saviano come abbiamo vista la vita (vale) "una merda". Morte del pudore.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Si aprono i porti ma si chiudono le piazze. Ok. È tutto bellissimo
Fd’I e Lega in piazza a Montecitorio: "Ladri di sovranità, ridateci l'Italia"

Si aprono i porti ma si chiudono le piazze. Ok. È tutto bellissimo

Rosica-Serracchiani: "Salvini in piazza al traino di Meloni"
pd infastidito dal successo di piazza del capitano

Rosica-Serracchiani: "Salvini in piazza al traino di Meloni"

Governo MaZinga, secondo giorno: già litigano sulla Giustizia


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU