temono sia usato per lo spionaggio

L'Iran vieta Pokemon Go, ma i giovani aggirano la censura

Le autorità invocano la sicurezza nazionale perché la piattaforma consente una geolocalizzazione degli utilizzatori che, secondo le autorità di Teheran, potrebbe essere utilizzata per spiare

Redazione
L'Iran vieta Pokemon Go, ma i giovani aggirano la censura

L'Iran è stato uno dei primi paesi a vietare l'applicazione per smartphone Pokemon Go, ma come molti giochi o social network su Internet, moltissimi giovani iraniani sono riusciti ad aggirare il divieto. Diventato un fenomeno mondiale, l'applicazione è stata vietata nel mese di luglio dall'Alto consiglio per il cyberspace, un'istanza governativa. Le autorità hanno evocato dei problemi legati alla sicurezza nazionale perché questa piattaforma consente una geolocalizzazione degli utilizzatori che, secondo le autorità di Teheran, potrebbe essere utilizzata per attività di spionaggio.

Ma il divieto non ha impedito ai fan di dare la caccia alle creature virtuali utilizzando VPN (reti private virtuali) su computer o cellulari capaci di bypassare i filtri. Disponibili nella maggior parte dei negozi di computer, le carte VPN forniscono l'accesso a Facebook, YouTube o altri siti vietati per soli due dollari al mese. L'ostacolo principale per gli appassionati di Pokemon Go in Iran rimane la mancanza di "PokeStops" o "arene" virtuali su carte utilizzate per il gioco.

Pokemon Go assegna automaticamente le creature e le aree di gioco in base alle informazioni disponibili su Internet, abbastanza limitato nella capitale iraniana. Il Park Mellat a Teheran, che ha un "PokeStop" e due "arene", ha recentemente attirato una trentina di ragazzi sulle tracce dei Pokemon.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione rubando la democrazia ai cittadini
"si sta rubando la democrazia ai cittadini "

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

È morto Fidel Castro
cuba piange il lider maximo

È morto Fidel Castro

Fidel è morto
la vignetta di krancic

Fidel è morto


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU