gangs of milan

Rissa a colpi di machete nella Chinatown di Milano: due giovani feriti, uno è grave

La dinamica dell'aggressione non è ancora chiara. Una lite, una rapina o un regolamento di conti fra bande rivali legate alla mafia locale?

Redazione
Rissa a colpi di machete nella Chinatown di Milano: due giovani feriti, uno è grave

Una scena dal film "Grosso guaio a Chinatown"

Assalti a colpi di machete nella Chinatown di Milano. Il bilancio è di due ragazzi feriti in mezz'ora di colluttazione. Uno è fin di vita, un diciannovenne che lotta tra la vita e la morte all'ospedale Fatebenefratelli di Milano. L'aggressione è avvenuta poco prima della mezzanotte tra sabato e domenica, in Via Paolo Sarpi.

Le indagini dei carabinieri non hanno ancora permesso di fare luce sull'accaduto; si è parlato di colpi di machete e sino a qualche anno fa era sufficiente gironzolare fra i molti empori cinesi per trovare in vendita a pochi euro non proprio dei machete ma le mannaie "spaccaossa" in uso ai macellai. Vendute regolarmente e alla luce del sole in quanto tradizionali attrezzi della cucina orientale.

Quanto al fatto che la notte il quartiere milanese - da cui gli italiani sono stati cacciati poco alla volta per lasciare spazio agli immigrati cinesi - sia pattugliato da baby gang legate alle Tong, la mafia cinese, è un mistero solo per la Sinistra, che finge di non saperlo. Scopo di queste "gangs of Milan", bande del capoluogo, è paradossalmente quello di mantenere l'ordine, ma con sistemi di mafia. Come facevano i gangsters americani negli anni Trenta.

Fatto sta che l'altra notte, pochi minuti dopo e a cento metri dal primo agguato, in piazzale Antonio Baiamonti, è stato ritrovato un altro giovane orientale ferito durante il primo blitz. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di via Moscova ed il personale medico del 118, con auto medica e ambulanza. Le due aggressioni potrebbero essere collegate. Sarà difficile far vuotare il sacco ai diretti interessati, uno dei quali peraltro in fin di vita.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Roma, colpo ai Casamonica: 31 arresti
blitz contro la nota famiglia sinti

Roma, colpo ai Casamonica: 31 arresti


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU