al Parlamento di Teheran col velo, segno di sottomissione della donna

Mogherini, fotografata in Iran peggio che allo zoo

L'alta rappresentante Esteri Ue accerchiata da 20 uomini come fosse un'attrazione. L'esponente Pd non si accorge di essere in un Paese senza diritti civili

Alessandro Morelli
Mogherini, fotografata in Iran peggio che allo zoo

Foto ANSA

Federica Mogherini ospite in Iran per l'insediamento del Parlamento di Teheran riesce nell'arduo compito di mettere d'accordo tutti: nel massacrarla. L'alto rappresentante della diplomazia europea a marchio Pd, non solo ha accettato di sottostare al simbolo di sottomissione femminile per eccellenza mostrandosi col capo velato ma al termine della cerimonia è stata circondata da una ventina di parlamentari entusiasti che le hanno fatto foto con il cellulare o le hanno chiesto di posare per dei selfie.



Il colmo è che in Iran ad essere criticati pesantemente sono stati i parlamentari iraniani accusati dai media locali per il loro comportamento, che avrebbe "umiliato" e "imbarazzato" il Parlamento tanto che l'agenzia di stampa Fars News ha usato l'hashtag "selfie della vergogna" postando le foto scattate sabato in Parlamento.




In Occidente invece la BBC scrive che in molti sui social media hanno preso in giro l'aspetto grottesco di vedere 20 uomini che fanno foto a una donna, come se fosse una sorta di attrazione mentre a seppellire la rappresentante Esteri europea sono state le associazioni, persino le Ong. La prima a esprimersi in termini duri è stata l’Organizzazione non governativa "Nessuno tocchi Caino", da sempre attenta al tema della pena di morte, di cui l'Iran è uno dei massimi sostenitori nel mondo. Sotto la Presidenza del "moderato" Rouhani si sono compiute infatti oltre 3.000 esecuzioni, e se nel 2016 la macchina della morte sembrava aver rallentato il ritmo con 530 esecuzioni rispetto le 970 del 2015, in questi primi sei mesi del 2017 ha accelerato la ripresa con almeno 340 persone salite sulla forca a cui si aggiungono le oltre 100 del mese di luglio. 

Ma - ricorda la Ong - non c'è solo la pena di morte in Iran, perché la condizione delle donne pone questo Paese al 139° posto, su 144, nella graduatoria del Global Gender Gap Index e grave è anche la persecuzione di minoranza etniche e religiose. Mogherini e Pd, quando il gender è una bandiera solo quando ti porta voti...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Reggio Calabria: gli immigrati? Nella tendopoli di S. Ferdinando
malgrado le proteste della figlia di padoan

Reggio Calabria: gli immigrati? Nella tendopoli di S. Ferdinando


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU