torna e pontifica

Minniti: "C'è la guerra in Libia e per il governo il problema sono 64 migranti"

L'ex ministro: "Bisogna prendere atto che il ruolo dell'Italia in Libia è seriamente messo in discussione"

Redazione
Minniti: "C'è la guerra e per il governo il problema sono 64 migranti"

Foto ANSA

"C'è la guerra in Libia e l'Italia, e anche l'Europa, sono impegnate in una contesa sull'accoglienza dei 64 migranti soccorsi dalla Alan Kurdi, una questione che si poteva risolvere in 30 secondi. Questo è davvero icastico?". Lo dice a Repubblica l'ex ministro dell'Interno Marco Minniti. Sulla Libia spiega: "Ora, comunque vada a finire, bisogna prendere atto che il ruolo dell'Italia in Libia è seriamente messo in discussione. Qualcosa è già cambiato e non certo nell'interesse della leadership che l'Italia ha sempre avuto in questo rapporto di fondamentale importanza negli equilibri tra Europa e Africa".

Inoltre, sull'osservazione che i nostri servizi di sicurezza rilanciano l'allarme su 100mila migranti che in questa situazione potrebbero essere fatti partire e di una zona Sar libica che di fatto non esiste più, Minniti aggiunge: "Non solo questo. L'Italia si ritroverebbe frontiera di una guerra civile in Libia con tutto quello che significherebbe in termini di flussi migratori che coinvolgerebbero la stessa popolazione libica. Ci troveremmo di fronte ad una emergenza straordinaria, anche in termini di sicurezza".

"Una roba da allarme rosso di fronte alla quale il governo dovrebbe convocare un comitato di crisi ad horas. E invece stiamo a discutere, con una certa dose di cinismo, di come ricollocare vite umane", ha concluso.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Etiopia: tentato golpe nello stato di Amhara
colpito il capo dell'Esercito

Etiopia: tentato golpe nello stato di Amhara

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"
stupro di rimini, l'avvocatessa buonista

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"

Aiutiamoli a casa loro. Facile a dirsi…
La carità che uccide. Come gli aiuti dell'Occidente stanno devastando il Terzo mondo

Aiutiamoli a casa loro. Facile a dirsi…


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU